Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 305 del 24/10/2002

Deliberazione n. 305 del 24/10/2002 legge 109/94 Articoli 30 - Codici 30.3
L'art.30, co.2, della legge 11 febbraio 1994, n.109 e s.m., abrogando espressamente ogni altra forma di garanzia e cauzione in essa non contemplata, ha previsto a carico dell'appaltatore la prestazione, in favore dell'amministrazione, di una garanzia fidejussoria (resa da un istituto bancario o da una compagnia assicurativa autorizzata) pari al 10% dell'importo netto dell'appalto, a garanzia di ogni obbligazione nascente dal contratto e le modificazioni introdotte dalla legge 1° agosto 2002, n.166, al suddetto art.30, co.2, hanno ribadito 1'efficacia di tale garanzia onnicomprensiva, limitandosi a disciplinarne l'entità percentuale in relazione al ribasso offerto in sede di gara, nonché le modalità di svincolo parziale in corso d'opera.Resta in vigore la sola e distinta ritenuta dello 0,50%, di cui all'art.7 del D.M.19 aprile 2000, n.145, a garanzia dell'osservanza delle norme e prescrizioni dei contratti collettivi, delle leggi e regolamenti sulla tutela, sicurezza, salute, assicurazione e assistenza dei lavoratori.Per i contratti stipulati successivamente all'entrata in vigore del D.P.R. 21 dicembre 1999, n.554 e s.m. resta preclusa alle amministrazioni appaltanti la possibilità di operare in sede di pagamento degli acconti in corso d'opera la ritenuta di garanzia del 5% sul credito dell'appaltatore.Stante 1'applicabilità ai contratti in corso delle intervenute modifiche in materia di cauzione definitiva di cui alla legge 1° agosto 2002, n.166 - anche nel caso in cui il contratto d'appalto sia stato stipulato anteriormente all'entrata in vigore del D.P.R. 21 dicembre 1999, n.554 e s.m., le ritenute di garanzia del 5%, se operate, devono essere svincolate nei modi di legge, senza attendere il riconoscimento della regolare esecuzione dell'opera.