Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 36 del 26/02/2003

Deliberazione n. 36 del 26/02/2003 legge 109/94 Articoli 16 - Codici 16.2
Il progetto preliminare deve costituire valido fondamento propedeutico al corretto svolgimento di tutte le fasi progettuali successive di modo che, ove il progettista della fase definitiva voglia apportare delle variazioni al progetto preliminare, deve obbligatoriamente motivare tale scelta, in quanto tenuto da un lato al rispetto delle indicazioni fornite nel preliminare e dall’altro al rispetto dei requisiti funzionali ed economici prestabiliti ed all’osservanza delle norme di diligenza nella redazione della progettazione incaricata, a pena di incorrere nell’errore od omissione di progettazione.Il progettista preliminare deve indicare di quali materiali ritiene dovrà essere costituito l’intervento oggetto di studio, pur senza scendere nel dettaglio; viceversa, costituisce violazione dell’art.16, co.3, del D.P.R. 21 dicembre 1999, n.554 e s.m., l’indicazione da parte del medesimo progettista di un determinato materiale di esclusiva produzione di una singola impresa.