Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 94 del 19/05/2004

Deliberazione n. 94 del 19/05/2004 legge 109/94 Articoli 17 - Codici 17.3.3
L’articolo 66, comma 1 e seguenti, del D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554 e s.m. stabilisce in maniera indubitabile i requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi che i concorrenti devono possedere per partecipare a gare d’appalto per l’affidamento di servizi di importo pari o superiore al controvalore in Euro di 200.000 DSP. In particolare il regolamento, al passo citato, prevede espressamente che la stazione appaltante, nel determinare i requisiti di capacità tecnica che devono essere posseduti dai partecipanti alla gara, debba riferirsi agli importi dei lavori per i quali questi hanno svolto i relativi servizi di progettazione. La ratio di tale norma è evidentemente ascrivibile alla volontà del legislatore di parametrare le certificazioni presentate dai concorrenti ad elementi certi, quali l’importo dei lavori cui le progettazioni rese si riferiscono. L’entità degli onorari corrisposti per i medesimi servizi di progettazione può risultare, difatti, variabile, anche in maniera significativa, in ragione delle differenti modalità di calcolo seguite dal soggetto committente (differenze apprezzabili possono verificarsi per esempio in relazione alla stessa natura, pubblica o privata, della committenza). Alla stregua di ciò, alcuna deroga è ipotizzabile nell’applicazione delle disposizioni di cui al richiamato articolo, stante l’impossibilità, diversamente operando, di poter pienamente garantire la par condicio tra i partecipanti alla stessa procedura selettiva. Ne consegue la non conformità alla normativa vigente dell’operato dell’amministrazione che ha ritenuto di non tener conto dell’interpretazione letterale della citata disposizione.