Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 113 del 16/06/2004

Deliberazione n. 113 del 16/06/2004 legge 109/94 Articoli 16, 17 - Codici 16.1, 17.3.3
L’urgenza rappresentata dalla stazione appaltante in ordine ad affidamenti fiduciari di servizi attinenti all’ingegneria e all’architettura, connessa a situazioni riconducibili a termini ristretti per inoltrare elaborati progettuali, pena la perdita del finanziamento, non può ritenersi giustificativa della non conformità della procedura adottata alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti. In particolare contrasta con il disposto dell’art. 16 della legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m., l’approvazione della progettazione preliminare solo dopo la progettazione definitiva, e con il disposto dell’art. 17 della medesima legge quadro e dell’art. 62 del D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554 e s.m., la circostanza che l’affidamento è avvenuto in via fiduciaria senza tener conto nei conteggi, ai fini dell’individuazione dell’importo presunto della prestazione, di tutti i servizi da affidare all’esterno, che, se debitamente considerati, avrebbero reso necessaria l’applicazione delle disposizioni di cui alla direttiva 92/50/CEE, in ordine ai requisiti di pubblicità, concorsualità e divieto di frazionamento degli incarichi di progettazione.