Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 69 del 28/04/2004

Deliberazione n. 69 del 28/04/2004 legge 109/94 Articoli 1, 4 - Codici 1.1, 4.2
Il quadro normativo delineato in materia di infrastrutture strategiche dalla legge 21 dicembre 2001, n. 443 e dal D.Lgs. 20 agosto 2002, n. 190, a proposito della comunicazione dei dati e delle informazioni all’Autorità, prevede un sostanziale regime derogatorio, rafforzato dal fatto che i rapporti tra Contraente Generale (o Concessionario) ed appaltatori sono regolati dalle norme del diritto privato. Nondimeno anche nella realizzazione delle infrastrutture strategiche rimane immutata l’esigenza di cui all’art. 1 della legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m. di vigilare affinché siano garantite la qualità, la trasparenza e l’efficacia delle procedure di esecuzione di opere e lavori pubblici, in aderenza ai principi generali dettati dall’art. 97 della Costituzione. Atteso che l’esercizio di tale vigilanza richiede la puntuale conoscenza per le infrastrutture strategiche degli analoghi dati che l’Autorità acquisisce con l’invio da parte delle stazioni appaltanti delle note schede A, B, B1, C ecc., si rende necessario modificare i campi della scheda A, e in parte delle restanti schede, al fine di aderire correttamente alle esigenze di ricognizione delle infrastrutture strategiche dando luogo a nuove schede (A’, B’, C’, ecc.). Parimenti, si rende opportuno che l’obbligo di comunicazione dei dati sia inserito direttamente nei bandi di gara pubblicati dai Soggetti Aggiudicatori, così da generare un conseguente vincolo sia per il Contraente Generale (o Concessionario) sia per gli appaltatori di cui al “piano degli affidamenti”. In ogni caso, nelle more degli adattamenti richiesti, le schede A, B e C potranno essere compilate nelle parti compatibili con la disciplina richiamata.