Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 26 del 09/03/2005

Deliberazione n. 26 del 09/03/2005 legge 109/94 Articoli 18 - Codici 18.1
L’art. 18 della legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m. (come sostituito dall’art. 13, comma 4, della legge n. 144/99), volto ad incentivare i dipendenti delle pubbliche amministrazioni che svolgono attività professionali connesse alla realizzazione di opere pubbliche, è da considerarsi di natura speciale ed in quanto tale derogante al principio dell’omnicomprensività retributiva. L’espressa previsione di tale deroga è desumibile dai vigenti contratti nazionali di lavoro del personale dei livelli e dei dirigenti degli Enti locali. Infatti, l’art. 20 C.C.N.L. del 1 aprile 1999, (disposizioni particolari per il personale incaricato delle funzioni dell’area delle posizioni organizzative) individua come eccezione al principio dell’omnicomprensività tali compensi, prevedendone una corresponsione a parte. Invece, con specifico riferimento ai dirigenti, il comma 2 dell’art. 29 del C.C.N.L., sottoscritto il 23 dicembre 1999, prevede che gli enti, nella determinazione dei criteri per la erogazione della retribuzione di risultato, devono valutare la correlazione tra quest’ultima e i compensi professionali, tra cui quelli percepiti ai sensi dell’art. 18 della legge 109/94 e s.m. Ciò sicuramente comporta, per i dirigenti del settore, una differente partecipazione alla suddivisione delle restanti ed ordinarie risorse destinate alla retribuzione di risultato, ma certamente non può comprendere la loro esclusione.Ne consegue che il diritto a percepire l’incentivo, previsto dall’art. 18 della legge quadro per il solo personale dipendente, da parte di dirigente assunto da una Amministrazione comunale con contratto di lavoro a tempo determinato (ai sensi dell’art. 6, comma 4, della legge n. 127/97) sembra sussistere - sia pure tenendo conto delle disposizioni particolari dettate dalle norme sopra richiamate - soltanto se il relativo contratto di lavoro a tempo determinato si configuri quale contratto di lavoro dipendente e non come contratto libero professionale.