Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 41 del 13/04/2005

Deliberazione n. 41 del 13/04/2005 legge 109/94 Articoli 16 - Codici 16.1, 16.5.2
La progettazione di un lavoro pubblico, secondo la vigente normativa, si articola in tre livelli di progettazione: preliminare, definitiva ed esecutiva (art. 16, comma 1, legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m.). Tuttavia, come chiarito da questa Autorità con determinazione n. 4/2001, “E’ fatta salva la facoltà del responsabile del procedimento (art. 16, comma 2, della legge 109/94 e art. 15, comma 5, del D.P.R. 554/99) - soggetta a motivazione - di integrare ovvero modificare il contenuto dei singoli livelli di progettazione, compresa la possibilità di ridurre il numero e il peso delle prescrizioni che i commi 3, 4 e 5 dell’art. 16 della legge 109/94 e degli articoli da 15 a 45 del D.P.R. 554/99 stabiliscono, in modo distinto, per ogni ambito progettuale, nonché di ridurre, in casi particolari, anche il numero dei livelli progettuali.”. Tale riduzione non va intesa nel senso di una soppressione sic et simpliciter di uno o due livelli di progettazione quanto, piuttosto, nel senso di una unificazione di due o tre livelli, qualora ciò sia ritenuto dal RUP necessario o strettamente opportuno in relazione alla tipologia e/o alla dimensione dei lavori.La regola della contrazione dei livelli di progettazione si ricava, indirettamente, anche dalla nuova più elastica formulazione dell’art. 14, comma 6, della legge n. 109/1994 (come modificato dall’art. 7, comma 1, lett. g), della legge n. 166/2002, c.d. Merloni quater), secondo cui per lavori di importo inferiore a €. 1.000.000 il progetto preliminare, ai fini dell’inserimento del lavoro nell’elenco annuale dei lavori pubblici, è sostituito da uno studio di fattibilità. Tuttavia l’esercizio della discrezionalità tecnica del RUP in tema di modifica e/o unificazione dei livelli di progettazione incontra alcuni precisi limiti.In primo luogo, la contrazione dei livelli di progettazione non può consistere nell’omissione del livello esecutivo, che costituisce la base per la materiale esecuzione dell’intervento (cfr. determinazione n. 4/2001) e le prescrizioni ritenute essenziali dal RUP in relazione alla tipologia e dimensione dei lavori, corrispondenti al livello preliminare e/o definitivo, debbono confluire nel progetto esecutivo. L’unica deroga alla necessità del progetto esecutivo è prevista per i lavori di manutenzione e per gli scavi archeologici (art. 19, comma 5bis, legge n. 109/1994 e s.m.).Altro limite alla discrezionalità tecnica del RUP in tema di modifica e/o unificazione dei livelli di progettazione discende dal citato art. 14, comma 6, della legge n. 109/94 e s.m., alla luce del quale per lavori di importo pari o superiore a €. 1.000.000 non si può prescindere dal progetto preliminare ai fini dell’inclusione di un lavoro nell’elenco annuale, tranne che per i lavori di manutenzione, con la conseguenza che la possibilità di ridurre i livelli di progettazione è limitata praticamente ai lavori con “dimensione” non superiore, quanto al valore economico, a €. 1.000.000. Ne consegue la non conformità alla normativa richiamata dell’operato della stazione appaltante che, in caso di lavori di importo superiore alla soglia di €. 1.000.000 prevista dal citato art. 14, comma 6, prescinde dal progetto preliminare e procede alla redazione del solo progetto esecutivo, senza peraltro provvedere alla validazione del progetto stesso secondo la procedura all’uopo disegnata dall’art. 47 del citato D.P.R. n. 554/99 e s.m..