Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 52 del 25/05/2005 - rif. R 149/05

Deliberazione n. 52 del 25/05/2005 - rif. R 149/05 legge 109/94 Articoli 24, 8 - Codici 24.1, 8.3
Dal combinato disposto dell’art. 24, comma 3, della legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m. e dell’art. 28 del D.P.R. 25 gennaio 2000, n. 34 e s.m. si evince che i soggetti ai quali sono affidati gli appalti a trattativa privata devono possedere i requisiti per l’aggiudicazione di appalti di uguale importo mediante pubblico incanto o licitazione privata e che le imprese possono partecipare alle gare di appalto di lavori pubblici di importo pari o inferiore a 150.000 euro (per le quali non è obbligatoria l’attestazione SOA) dimostrando il possesso dei requisiti di ordine tecnico-organizzativo stabiliti dal suddetto art. 28.Contrasta, pertanto, con le citate disposizioni legislative e regolamentari in materia di lavori pubblici l’operato della stazione appaltante che, nei bandi di gara concernenti trattative private, non richiede la dimostrazione da parte delle imprese concorrenti del possesso dei requisiti di cui al citato art. 28 del D.P.R. n. 34/2000 e s.m. e, conseguentemente, aggiudica l’appalto ad imprese prive di detti requisiti.