Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 57 del 25/05/2005

Deliberazione n. 57 del 25/05/2005 legge 109/94 Articoli 17, 2 - Codici 17.1, 17.3.5, 2.3.1
L’Azienda Casa, ex IACP, che, in base a quanto disposto dal legislatore regionale, ha natura giuridica di ente pubblico economico e che, ai sensi del proprio statuto, costituisce “lo strumento del quale gli enti locali, la Regione, lo Stato o altri enti pubblici si avvalgono per la gestione unitaria del patrimonio di ERP e per l’esercizio delle proprie funzioni nel campo delle politiche abitative” non può essere affidataria di attività di progettazione che esulano dall’ambito delle politiche abitative.La suddetta Azienda Casa, inoltre, in quanto ente pubblico economico rientra tra i soggetti di cui all’art. 2, comma 2, lett. a) della legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m., alla quale risulta, pertanto, interamente assoggettata, compreso quanto previsto dall’art. 17, comma 12, della legge medesima, che fissa in euro 100.000 il limite, valevole sia per gli affidamenti di progettazione che di direzione lavori, entro il quale le stazioni appaltanti, previa verifica dell’esperienza e della capacità professionale del soggetto interessato, possono conferire incarichi in via fiduciaria.