Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 77 del 17/11/2006

Deliberazione n. 77 del 17/11/2006 d.lgs 163/06 Articoli 91 - Codici 91.1.1
Qualora l’importo delle prestazioni professionali richieste cumulativamente considerate supera la soglia di applicazione della disciplina comunitaria, l’Ente appaltante è tenuto a procedere alla scelta del professionista con le modalità selettive di cui al D.Lgs. n. 157/1995, nel rispetto della par condicio e della libera concorrenza. Altrimenti risultano violate le norme vigenti in materia ed, in particolare, l’art. 17, commi 10 e 12bis, della legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m. e l’art. 65 e ss. del D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554 e s.m., in base ai quali, in caso di superamento della suddetta soglia comunitaria, la procedura di scelta del contraente deve essere il pubblico incanto o la licitazione privata, nel rispetto delle disposizioni di cui al citato D.Lgs. n. 157/95 e delle forme di pubblicità richieste dal valore della prestazione cumulativamente considerata.
Deliberazione n. 77 del 17/11/2006 d.lgs 163/06 Articoli 90 - Codici 90.1
Le vigenti disposizioni legislative, generali e settoriali, assegnano ai dirigenti la responsabilità delle procedure di appalto e di concorso. Anche da parte della giurisprudenza amministrativa, peraltro, è stato precisato in più occasioni che le determinazioni relative al conferimento degli incarichi di progettazione cui all’art. 17 della legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m., competono ai dirigenti e non all’organo di governo (cfr. Cons. Stato, Sez. V, n. 64/1999; T.A.R. Puglia, Bari, Sez. II, n. 1250/2000) per il decisivo ancorché sintetico rilievo che “se è rimessa ai dirigenti la responsabilità di tali procedure (d’appalto) …… ai medesimi compete anche il correlativo potere di approvazione, per quanto attiene alla verifica tecnica e di legittimità degli atti di gara, a questa ricollegandosi quel perfezionamento dell’iter procedurale al quale solo può ricollegarsi la responsabilità piena del funzionario” (così testualmente, Cons. Stato, Sez. V, n. 548/99).