Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 121 del 19/12/2006 - rif. PREC40/06

Deliberazione n. 121 del 19/12/2006 - rif. PREC40/06 d.lgs 163/06 Articoli 64, 73, 83 - Codici 64.1, 73.1, 83.1
Non sussistono margini di interpretazione da parte della Commissione giudicatrice laddove l’amministrazione disponga in modo puntuale e analitico le formalità e le modalità cui le imprese devono conformarsi per la presentazione dei plichi, con la previsione della sanzione, in caso di loro inosservanza, dell’esclusione dalla gara. Unico limite al potere discrezionale dell’amministrazione di inserire nella disciplina di gara tutte le disposizioni ritenute più opportune per il perseguimento dell’interesse pubblico ad una regolare e trasparente procedura di gara è dato dalla illogicità o arbitrarietà delle clausole stesse, che conduca a una alterazione della par condicio. In particolare, non integra una clausola illogica o inutile l’apposizione di ceralacca, oltre che sui lembi di chiusura, anche su quelli di costruzione, giacché detta disposizione soddisfa esigenze di imparzialità e trasparenza al fine di assicurare la custodia e l’integrità delle buste, tenuto conto della notoria possibilità di aprire e chiudere agevolmente i lembi preincollati delle buste all’uopo comunemente usate.
Deliberazione n. 121 del 19/12/2006 - rif. PREC40/06 d.lgs 163/06 Articoli 73 - Codici 73.1
Se il plico riporta una rapida ed inequivoca individuazione della gara cui si riferisce l’offerta e, pertanto, gli errori resi non influiscono sulla certa conoscenza dello stato dei fatti, la carenza del giorno e dell’ora dell’espletamento della gara assurgono a mere irregolarità.