Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 1 del 10/01/2007 - rif. PREC41/06

Deliberazione n. 1 del 10/01/2007 - rif. PREC41/06 d.lgs 163/06 Articoli 34 - Codici 34.3
Con riferimento all’articolo 13, comma 4, della legge 11 febbraio 1994 n. 109 e s.m., un consorzio di cooperative costituito ai sensi della legge n. 422/1909 può designare, quale esecutore dei lavori, un proprio consorziato, che sia a sua volta un consorzio, il quale ultimo individua l’impresa esecutrice. In tal caso, il consorzio offerente deve indicare sia il consorziato per il quale intende concorrere sia l’impresa che quest’ultimo designa quale esecutrice dei lavori. Se infatti, la scelta ricade su un consorziato che a sua volta, è esso stesso un consorzio, sarà necessario che nell'offerta venga indicato anche il nominativo dell'affidatario finale dei lavori, per consentire alla stazione appaltante di effettuare le necessarie verifiche sull'affidabilità morale e quelle relative all'antimafia. Il consorzio di cooperative può partecipare ad una gara anche per conto solo di alcuni dei consorziati, possibilità espressamente prevista dall’articolo 13, comma 4, della legge 11 febbraio 1994 n. 109 e s.m.. Il nesso funzionale che giustifica l'esistenza del consorzio stesso, determina l’impossibilità di effettuare una associazione temporanea di imprese fra un consorzio ed una impresa facente parte del consorziato, cd. consorzio di secondo livello, atteso che ciò determinerebbe la somma delle qualificazioni del consorzio di cooperative con quelle del consorziato che sono già ricomprese in quelle del consorzio.