Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 18 del 24/01/2007 - rif. PREC11/07

Deliberazione n. 18 del 24/01/2007 - rif. PREC11/07 d.lgs 163/06 Articoli 123, 36 - Codici 123.1, 36.1
Ai sensi del combinato disposto dell’art. 123, comma 6, del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, con l’art. 37, comma 7, del medesimo decreto legislativo, ai fini della formazione dell’elenco delle imprese da invitare ai successivi affidamenti di lavori, ai consorzi ed ai consorziati, in qualsiasi forma costituiti, è fatto divieto di iscrizione cumulativa al medesimo elenco. La ratio di tale disposizione si rinviene nell’esigenza di tutelare il mercato da eventuali forme di restrizione e di monopolio, evitando che soggetti appartenenti ad un comune centro di interessi si iscrivano nel medesimo elenco. Infatti, la “comune struttura d’impresa” e la finalità di “operare in modo congiunto nel settore dei lavori pubblici” implicano legami tra le imprese e il consorzio, che, sebbene tanto il consorzio stabile quanto le imprese consorziate conservino la loro autonoma soggettività giuridica, sono più stretti di ogni altra forma di collegamento già raffigurata dalla legge (ex art. 2359 c.c.) e giustifica ampiamente l’estensione del divieto di partecipazione congiunta ad una medesima gara in tutte le diverse figure che il complesso della normativa in esame ha voluto delineare (Cons. Stato n. 1529/2006).