Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 35 del 07/02/2007

Deliberazione n. 35 del 07/02/2007 d.lgs 163/06 Articoli 16 - Codici 16.1
La legge n. 920/1972, non esplicitamente abrogata, è legge di ratifica ed esecuzione di un accordo internazionale, avente ad oggetto la creazione dell’Istituto Universitario Europeo, che connota quest’ultimo quale organizzazione internazionale (come ritenuto anche dalla Cassazione, S.U., 18 marzo 1999, n. 149). Lo status peculiare di tale organismo ha consentito di prevedere delle deroghe, quanto alla disciplina relativa alla realizzazione delle opere edilizie funzionali alla propria attività, rispetto a quella generale applicabile nel territorio italiano per i lavori pubblici. In particolare, tali deroghe consistono nella possibilità, contemplata (espressamente) dall’art. 9 della suddetta legge, di affidare la progettazione anche “intuitus fiduciae”, ove ciò sia ritenuto opportuno dalla competente commissione interministeriale. Che, poi, il rango internazionale della disciplina consenta delle deroghe alla normativa nazionale è ipotesi che trova conferma anche nel recente Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 12 aprile 2006, n .163, art. 18), ove è previsto che le norme del codice non debbano applicarsi ai contratti pubblici che trovano fondamento in accordi internazionali.L’art. 9 e il correlato art. 11 (relativo alla direzione dei lavori), della citata legge n. 920/72, pertanto, vanno considerati quali deroghe alla disciplina di settore, non suscettibili di lettura estensiva o analogica, tenuto conto della loro natura di disposizioni eccezionali. Ne consegue, d’altronde in armonia con quanto previsto dall’art. 10 della stessa legge, che solo limitatamente alla progettazione e direzione lavori può ritenersi operante la deroga in questione, dovendo invece tutta la rimanente procedura ritenersi soggetta all’obbligo di rispetto della disciplina nazionale di settore.