Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 88 del 29/03/2007 - rif. PREC60/07

Deliberazione n. 88 del 29/03/2007 - rif. PREC60/07 d.lgs 163/06 Articoli 118, 4 - Codici 118.1, 4.1
La pronuncia della Corte Costituzionale n. 482/1995 ha attribuito ai nuclei essenziali della legge n. 109/94 e s.m. e ai principi desumibili dalle sue disposizioni (trasfusi nel D. Lgs. 163/2006) la qualifica di norme fondamentali di riforma economica-sociale e di principi della legislazione dello Stato. L’istituto del subappalto è da includere tra i “nuclei essenziali” della legislazione sugli appalti, per la stretta connessione della relativa disciplina con la tutela della concorrenza, e la disciplina statale del subappalto è pertanto efficace erga omnes. Il Consiglio di Stato, con parere n. 355/2006, ha ritenuto che non è possibile l’esercizio decentrato di potestà normative con riferimento agli ambiti appartenenti al c.d. nucleo essenziale del Codice dei contratti, tra i quali rientra il subappalto. Con l’entrata in vigore del D.Lgs. 163/2006 le normative regionali precedentemente emanate sono da considerare implicitamente abrogate in forza del principio di successione delle leggi nel tempo. E’ conforme alla normativa l’esclusione dalla gara di un’impresa che ha presentato la dichiarazione relativa al subappalto in contrasto con quanto richiesto dal disciplinare di gara.