Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 52 del 26/11/2008

Deliberazione n. 52 del 26/11/2008 d.lgs 163/06 Articoli 1 - Codici 1.1
In materia di affidamenti in house, si ritiene che il controllo analogo possa esercitarsi ove siano rimesse all’amministrazione aggiudicatrice le decisioni finali circa gli aspetti rilevanti dell’attività del gestore, quale l’approvazione dei programmi annuali e triennali di investimento nonché dei singoli investimenti eccedenti una determinata cifra. Per quanto attiene al requisito dell’attività prevalentemente svolta a favore dell’ente affidante, si ritiene che tale condizione sia soddisfatta quando l’affidatario diretto non fornisca i suoi servigi a soggetti diversi dall’ente controllante, anche se pubblici, ovvero li fornisca in misura quantitativamente irrisoria e qualitativamente irrilevante sulle strategie aziendali, ed in ogni caso non fuori della competenza territoriale dell’ente controllante. Più che l’individuazione di una soglia percentuale necessita un giudizio pragmatico nel caso concreto che si basi, però, non solo sull’aspetto quantitativo, ma anche su quello qualitativo. In altri termini, la natura dei servizi, opere o beni resi al mercato privato, oltre alla sua esiguità, deve anche dimostrare la quasi inesistente valenza nella strategia aziendale e nella collocazione dell’affidatario diretto nel mercato pubblico e privato.