Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 31 del 08/04/2009 - rif. GE/366-08

Deliberazione n. 31 del 08/04/2009 - rif. GE/366-08 d.lgs 163/06 Articoli 123, 2, 64, 70, 84 - Codici 123.1, 2.1, 64.1, 70.2, 84.1
Il ricorso a termini ridotti per la presentazione delle offerte non può ritenersi giustificato dalla "necessità di procedere tempestivamente all'affidamento dei lavori", che è criterio inidoneo a qualificare l'urgenza. Nè si può considerare evento imprevedibile l'imminente scadenza, e conseguente perenzione, del finanziamento regionale. In tali casi il ricorso a termini ristretti contrasta con l'esigenza di garantire la massima partecipazione alle gare. E' in contrasto con i principi di trasparenza e imparzialità l'invito alla procedura di cui all'art. 123 di un numero di ditte inferiore a venti benchè ne sussistano in elenco. Il responsabile del procedimento non può rivestire anche l'incarico di componente della commissione di gara, ai sensi dell'art. 84, comma 4, D. Lgs. 163/2006. Contrasta con i principi di trasparenza e imparzialità la previsione del bando di gara che ha disposto l'inserimento in un'unica busta dell'offerta economica e dell'offerta tecnica. La valutazione dell'offerta tecnica deve precedere la valutazione dell'offerta economica, al fine di evitare che la prima, a carattere anche discrezionale, possa essere influenzata dalla seconda, di carattere automatico. E' legittima una procedura diversa solo se la valutazione tecnica sia completamente priva di discrezionalità.