Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 27 del 26/05/2010 - rif. VISF/GE/09/73014

Deliberazione n. 27 del 26/05/2010 - rif. VISF/GE/09/73014 d.lgs 163/06 Articoli 2, 83 - Codici 2.1, 83.1
La mancata indicazione dei pesi e dei sub-pesi per la valutazione dei requisiti di ordine soggettivo, e la modifica del contenuto di uno dei criteri di valutazione dell’offerta, intervenuta dopo la presentazione delle offerte, senza che ne venga data comunicazione formale ai partecipanti e conseguente riapertura dei termini di presentazione delle offerte, è in contrasto con la vigente normativa in materia di appalti pubblici, ed è in aperta violazione dei principi di par condicio e di trasparenza sanciti dall’art. 2, 1° comma del D. Lgs. n. 163/2006. La previsione di criteri di valutazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa di tipo soggettivo (quali la composizione per sesso del team di lavoro e la natura dei rapporti di lavoro), è in contrasto con la normativa nazionale e comunitaria, in quanto rivolti al perseguimento di obiettivi sociali e non direttamente connessi con l’oggetto della gara stessa.