Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 26 del 23/02/2011 - rif.

Deliberazione n. 26 del 23/02/2011 - rif. d.lgs 163/06 Articoli 56 - Codici 56.1
A mente dell’art. 57, comma 5, lett. a), del Codice la nozione di lavori complementari è ancorata a tre elementi principali: deve trattarsi di lavori non compresi nell’appalto e nel progetto appaltato e divenuti necessari all’esecuzione dell’opera del contratto iniziale a seguito di una circostanza imprevista; la sussistenza di gravi inconvenienti qualora i lavori complementari siano separati dal contratto iniziale ovvero siano strettamente necessari al perfezionamento; la sussistenza del limite tassativo all’importo complementare del 50 % dei lavori principali. Possono ritenersi "complementari" quelle opere che da un punto di vista tecnico - esecutivo rappresentano una integrazione dell'opera principale sì da giustificare l'affidamento e la relativa responsabilità costruttiva ad un unico esecutore.