Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 12 del 26/01/2011 - rif. Fascicolo VISF/49424/2010

Deliberazione n. 12 del 26/01/2011 - rif. Fascicolo VISF/49424/2010
Affinché l’affidamento ad una società mista possa ritenersi legittimo, deve essere ben definito non soltanto il pacchetto di attività attribuito alla società con la prima – ed unica – gara con la quale si sceglie il socio privato, ma anche delimitata la durata della partecipazione di quest’ultimo. In sintesi gli elementi imprescindibili per la legittimità di una società mista e degli affidamenti direttamente disposti a favore della medesima sono i seguenti: gara unica a doppio oggetto (per la scelta del socio e l’affidamento del servizio); socio privato con funzioni di socio operativo (mentre la p.a. esercita sul medesimo un controllo “semianalogo”); partecipazione a tempo determinato del privato alla compagine sociale; divieto di società mista “generalista” ovvero “aperta” all’affidamento di ulteriori incarichi al socio privato.
Deliberazione n. 12 del 26/01/2011 - rif. Fascicolo VISF/49424/2010 d.lgs 163/06 Articoli 28 - Codici 28.4
Le prestazioni relative al servizio energia per gli immobili comunali sono dirette unicamente al Comune, che ne fruisce alla stregua di qualsiasi altro soggetto, e non alla collettività, e pertanto non rientrano nella nozione di servizio pubblico locale.