Massime per Atto Ricercato: Deliberazione n. 45 del 24/04/2011 - rif. VISF/GE/10/68844.

Deliberazione n. 45 del 24/04/2011 - rif. VISF/GE/10/68844. d.lgs 163/06 Articoli 83 - Codici 83.1
Il comma 4 dell’art. 83 del d. lgs. 12 aprile 2006, n. 163 stabilisce che “il bando per ciascun criterio di valutazione prescelto prevede, ove necessario, i sub-criteri e i sub-pesi o i sub-punteggi”. La suddetta locuzione “ove necessario” fa ritenere che l’inserimento di tali ulteriori elementi di valutazione dell’offerta con il relativo punteggio non sia di per sé indispensabile, ma diviene obbligatorio nel momento in cui la stazione appaltante fissa dei criteri di attribuzione del punteggio aleatori che lasciano spazio decisionale soggettivo alla Commissione giudicatrice.
Deliberazione n. 45 del 24/04/2011 - rif. VISF/GE/10/68844. d.lgs 163/06 Articoli 59 - Codici 59.1
Anche se l’art. 3 comma 13 del codice dei contratti definisce l’accordo quadro come “un accordo concluso tra una o più stazioni appaltanti e uno o più operatori economici e il cui scopo é quello di stabilire le clausole relative agli appalti da aggiudicare durante un dato periodo, in particolare per quanto riguarda i prezzi e, se del caso, le quantità previste.”, lasciando intendere che, in via generale, solo la definizione dei prezzi e non anche delle quantità è lo scopo della procedura, è anche vero che si è fatto riferimento alla modalità prevista dall’art. 59 comma 4 ovvero all’accordo quadro in cui tutte le condizioni sono fissate già in partenza e che pertanto, non vi è necessità, come negli accordi quadro incompleti (art. 59 comma 8), di riaprire il confronto competitivo nell’ambito del quale sia anche ricompresa la puntuale definizione delle quantità. In sostanza appare implicita nella scelta dell’accordo quadro a condizioni complete la volontà dell’amministrazione aggiudicatrice di definire ex ante tutti gli aspetti contrattuali e quindi anche quelli legati ai quantitativi oggetto dell’accordo stesso.
Deliberazione n. 45 del 24/04/2011 - rif. VISF/GE/10/68844. d.lgs 163/06 Articoli 59 - Codici 59.1
In caso di accordo quadro, tale tipologia contrattuale rientra nel novero dei contratti aperti e, ai fini della relativa stipulazione,è necessario che siano definiti i prezzi unitari da porre a base dell'affidamento. Sempre con riguardo alla medesima problematica, si deve censurare il comportamento di una stazione appaltante che ha omesso di definire, lotto per lotto, i valori da porre a base d’asta. Si osserva, inoltre, come un’attenta e puntuale analisi dei prezzi di mercato e di quelli praticati presso altre amministrazioni per gli stessi prodotti debba essere svolta preliminarmente alla procedura di affidamento, in fase di predisposizione della documentazione di gara, e non in una fase successiva, proprio per arrivare ad una corretta ed adeguata stima del prezzo base.