Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 63 del 28/02/2008 - rif. PREC342/07

Parere di Precontenzioso n. 63 del 28/02/2008 - rif. PREC342/07 d.lgs 163/06 Articoli 38 - Codici 38.1.1
L’incapacità a contrarre con la pubblica amministrazione, che deriva dall’applicazione di una misura di sicurezza, non colpisce il solo destinatario, ai sensi dell’art. 10, comma 2, della legge 31 maggio 1965, n. 575, ma può estendersi, ai sensi del comma 4, del citato art. 10 della legge n. 575/1965, ai conviventi ed agli enti di cui il soggetto è rappresentate o gestore, con durata quinquennale, a condizione, tuttavia, che disponga in tal senso un’apposita pronuncia del tribunale. Ne deriva, pertanto, che è conforme alla normativa di settore il bando di gara che richieda la dichiarazione dell’assenza nei propri confronti e negli ultimi cinque anni, dell’estensione degli effetti delle misure di prevenzione ai sensi dell’art. 3 della legge n.1423/1956, irrogate nei confronti di un proprio convivente.
Parere di Precontenzioso n. 63 del 28/02/2008 - rif. PREC342/07 d.lgs 163/06 Articoli 38 - Codici 38.1.1
Ai sensi dell’articolo 10, comma 5 ter, della legge 31 maggio 1965, n. 575, l’incapacità a contrarre con la pubblica amministrazione si determina anche per effetto di sentenze non definitive, confermate in grado di appello per uno dei delitti di cui all’articolo 51, comma 3bis, c.p.p. Ne discende la conformità della clausola in esame e l’obbligo per il partecipante alle gare di dare conto di tutte le condanne subite (cfr. determinazione 13/2003).