Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 4 del 08/02/2012 - rif. PREC 228/11/S

Parere di Precontenzioso n. 4 del 08/02/2012 - rif. PREC 228/11/S d.lgs 163/06 Articoli 38 - Codici 38.1.1
Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata da Università della Tuscia – Procedura negoziata con pubblicazione del bando per l’affidamento del servizio di ritiro e smaltimento rifiuti speciali, pericolosi, liquidi e solidi, prodotti nei complessi dell’Università della Tuscia – Importo a base d’asta € 98.500,00 – S.A.: Università della Tuscia Il criterio da seguire per individuare i soggetti tenuti a rendere le dichiarazioni di cui all’art. 38, comma 1, lettere b) e c) del D.Lgs. n. 163/2006 consiste nel ricercare all’interno dello statuto o del certificato di iscrizione alla Camera di Commercio dell’operatore economico i soggetti dotati di rappresentanza in quanto, indipendentemente dalla titolarità dei poteri di gestione societaria, costoro sono comunque in grado di trasmettere con il proprio comportamento la riprovazione dell’ordinamento nei riguardi della loro personale condotta al soggetto rappresentato (cfr. AVCP Pareri n. 5 del 15.01.2009 e n. 35 del 11.03.2009; TAR Lazio, Sez. II, n. 7072 del 09.08.2011, Consiglio di Stato, Sez. V, n. 6114 del 07.10.2009). Pertanto, è illegittimal’ammissione alla gara e la successiva aggiudicazione provvisoria a favore di una società a responsabilità limitata con unico socio, che abbia presentato le dichiarazioni di cui all’art. 38, comma 1, lettere b) e c) del D.Lgs. n. 163/2006 soltanto per il socio unico e presidente del consiglio di amministratore e non anche per l’altro membro del consiglio di amministrazione, risultante, a seguito di visura camerale, dotato di poteri di rappresentanza.