Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 9 del 08/02/2012 - rif. PREC 251/11/S

Parere di Precontenzioso n. 9 del 08/02/2012 - rif. PREC 251/11/S d.lgs 163/06 Articoli 41, 64 - Codici 41.2, 64.1
Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata dalla Provincia di Trieste – “Procedura ristretta per l’affidamento del servizio di pulizia e sanificazione, fornitura materiale igienico sanitario presso gli edifici di proprietà o di competenza provinciale per il periodo 1.2.2012 – 31.1.2015” – Data di pubblicazione del bando: 20.7.2011 – Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa – Importo a base d’asta: euro 563.055,00 – S.A.: Provincia di Trieste. Qualora la lex specialis commini espressamente l’esclusione dalla gara in conseguenza di determinate prescrizioni, l’Amministrazione è tenuta a dare precisa ed incondizionata esecuzione a dette prescrizioni, restando preclusa all’interprete ogni valutazione circa la rilevanza dell’inadempimento, la sua incidenza sulla regolarità della procedura selettiva e la congruità della sanzione contemplata nella lex specialis, alla cui osservanza la stessa Amministrazione si è auto vincolata al momento dell’adozione del bando (cfr. AVCP Pareri n. 215 del 17.09.2008 e n. 262 del 17.12.2008). Pertanto, è legittima l’esclusione del concorrente che, contrariamente a quanto richiesto a pena di esclusione dal bando di gara, , non abbia fornito a dimostrazione della capacità economico-finanziaria - idonee dichiarazioni da parte di almeno due istituti bancari o intermediari autorizzati ex art. 41 del D.Lgs. n. 163/2006, ma si sia limitato ad indicare, in autodichiarazione, due istituti bancari di riferimento, disponibili a confermare il possesso della sua capacità economico – finanziaria.