Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 79 del 16/05/2012 - rif. PREC 79/12/L

Parere di Precontenzioso n. 79 del 16/05/2012 - rif. PREC 79/12/L d.lgs 163/06 Articoli 118, 37 - Codici 118.1, 37.1
istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata dall’ANCE SIRACUSA – Procedura aperta per l’affidamento dei lavori di riqualificazione e valorizzazione turistica di via Giardina, via Volta e viale Greco nel Comune di Portopalo Capo Passero – Importo a base d’asta € 854.412,07 - S.A.: Comune di Portopalo di Capo Passero (SR)- A tutte le lavorazioni relative alle categorie non inserite nell’elenco di cui all’art. 107 del DPR 207/2010, si applica l’art. 109, comma 2, DPR 207/2010, in virtù del quale l’affidatario in possesso della qualificazione per la sola categoria prevalente, se privo delle relative adeguate qualificazioni, non può eseguire direttamente le lavorazioni di importo superiore al dieci per cento dell’importo complessivo dell’opera ovvero di importo superiore a 150.000 euro, relative alle categorie di opere generali di cui all’Allegato A del Regolamento e a quelle di opere specializzate indicate nel predetto Allegato A come categorie a qualificazione obbligatoria. Tali lavorazioni sono subappaltabili ad imprese in possesso delle relative qualificazioni e sono altresì scorporabili ed indicate nei bandi di gara ai fini della costituzione di associazioni temporanee di tipo verticale. Le lavorazioni relative alla categoria prevalente sia quelle relative alle categorie ad alto contenuto tecnologico e di rilevante complessità tecnica di cui all’art. 107, comma 2, DPR 207/2010 di importo singolarmente superiore al quindici per cento, sono subappaltabili solo nei limiti del trenta per cento. A tutte le altre lavorazioni disciplinate dall’art. 109, comma 2, DPR 207/2010 tale limite non si applica e, quindi, possono essere interamente subappaltate.
Parere di Precontenzioso n. 79 del 16/05/2012 - rif. PREC 79/12/L d.lgs 163/06 Articoli 83 - Codici 83.1
Per gli appalti di lavori di importo inferiore alla soglia comunitaria, il D. Lgs. n. 163/2006, non dà indicazioni circa il rapporto tra prezzo (offerta economica) e qualità (offerta tecnica), pertanto, si ritiene che la stazione appaltante possa attribuire a ciascun elemento dell’offerta il peso che rappresenta la percentuale con cui quell’elemento contribuisce al giudizio complessivo dell’offerta, a patto che la somma degli stessi sia uguale a cento. (cfr. anche AVCP, determinazione n.7 del 24.12.2011; Cons. Stato, Sez. V, n. 5583 del 18.10.2011, TAR Toscana, Sez.I, n.6901 del 21.11.2005).