Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 150 del 27/09/2012 - rif. PREC 75/12/L

Parere di Precontenzioso n. 150 del 27/09/2012 - rif. PREC 75/12/L d.lgs 163/06 Articoli 37, 49 - Codici 37.1, 49.1
Avvalimento. ATI. Esclusione. Art. 49 D.Lgs. 163/2006.- Secondo quanto specificato dall’Autorità nella determinazione n. 2 del primo agosto 2012 (Avvalimento nelle procedure di gara), a proposito dei raggruppamenti temporanei di imprese, l’art. 49, comma 1 del Codice, che richiama espressamente il “raggruppato”, nell’ambito di coloro che possono utilizzare l’avvalimento, deve essere interpretato nel senso che il raggruppamento, inteso non quale soggetto unitario, ma quale unione di soggetti distinti, possa soddisfare i requisiti di capacità richiesti avvalendosi di più imprese ausiliarie rispetto a tutte le imprese che lo compongono. Ciò significa sostanzialmente che per “concorrente, singolo o consorziato o raggruppato”, ai sensi del comma 1 del cit. art. 49, vada inteso ciascuno dei partecipanti al R.T.I. e non l’R.T.I. nel suo complesso. Ciò significa che il legislatore ha voluto consentire soltanto al singolo operatore economico e non al raggruppamento, di poter avvalersi, per il possesso di alcuni requisiti, di una azienda ausiliaria. Ne discende che poiché il R.T.I. non è concorrente unitario, ma unione di concorrenti distinti, non è possibile che il raggruppamento si avvalga unitariamente di una sola ausiliaria, dovendo ciascuna impresa partecipante all’ATI, singolarmente intesa, essere in possesso di tutti i requisiti richiesti nel bando, comprese le attestazioni SOA, per ciascuna quota di lavori di cui si assume l’adempimento.