Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 3 del 06/02/2013 - rif. PREC 194/12/L

Parere di Precontenzioso n. 3 del 06/02/2013 - rif. PREC 194/12/L d.lgs 163/06 Articoli 82 - Codici 82.1
Art. 119 D.P.R. n. 207 del 2010 – Discordanza tra prezzi unitari e ribasso unico percentuale- A sensi del comma 2 dell’art. 119 del d. P.R. n. 207/2010 (che riproduce il previgente art. 90, comma 2, del d.P.R. n. 554/ 1999), “il prezzo complessivo offerto, rappresentato dalla somma di prodotti, è indicato dal concorrente in calce al modulo stesso unitamente al conseguente ribasso percentuale rispetto al prezzo complessivo posto a base di gara. Il prezzo complessivo ed il ribasso sono indicati in cifre ed in lettere. In caso di discordanza prevale il ribasso percentuale indicato in lettere”. La lettura della norma porta a concludere che con essa si è stabilito un criterio di chiusura, volto a dare prevalenza, in tutti i casi di discordanza fra i dati indicati in calce al modulo di offerta (riferiti sia al prezzo sia alla percentuale di ribasso), al ribasso percentuale indicato in lettere in modo tale da precludere alla Commissione di gara ogni intervento correttivo sull’offerta, ai fini dell’aggiudicazione (Cons. Stato, sez. VI, 11 luglio 2003 n. 4145). Pertanto,in applicazione della regola sancita dal menzionato art. 119, secondo comma, del d.P.R. n. 207 del 2010, in caso di discordanza tra prezzo complessivo e ribasso, prevale il ribasso percentuale indicato in lettere.