Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 4 del 06/02/2013 - rif. PREC 238/12/L

Parere di Precontenzioso n. 4 del 06/02/2013 - rif. PREC 238/12/L d.lgs 163/06 Articoli 40 - Codici 40.3
Art. 357 del D.P.R. n. 207 del 2010 – regime transitorio per la qualificazione SOA nella categoria OS8- Risulta illegittimo il bando di gara laddove richieda ai concorrenti l’attestazione SOA per la nuova categoria di opere specializzate OS8 “opere di impermeabilizzazione”, secondo la declaratoria introdotta dal d. P.R. n. 207/2010 non ancora in vigore al momento dell’avvio della procedura, e laddove prescriva come obbligatoria detta qualificazione, nonostante si tratti di categoria non prevalente e scorporabile. In ossequio all’art. 109, comma 1, del d. P. R. n. 207/ 2010 (sostanzialmente riproduttivo dell’art. 74, comma 1 del d. P.R. n. 554/1999), l’aggiudicataria in possesso della qualificazione SOA nella categoria prevalente di opere generali indicata nel bando di gara può eseguire direttamente tutte le lavorazioni, anche se priva delle relative qualificazioni, o può subappaltare le lavorazioni specializzate ad imprese in possesso delle relative qualificazioni, senza soggiacere al limite posto dal comma 2 dell’art. 109, che esclude tale possibilità per le categorie di opere specializzate individuate come categorie a qualificazione obbligatoria nell’Allegato A del Regolamento del 2010 (e tra queste figura, appunto, la variata categoria OS8 – “Opere di impermeabilizzazione”), non essendo le nuove declaratorie applicabili ratione temporis alle procedure indette prima del 5 dicembre 2012.
Parere di Precontenzioso n. 4 del 06/02/2013 - rif. PREC 238/12/L d.lgs 163/06 Articoli 41, 42, 83 - Codici 41.2, 42.1, 83.1
I requisiti di natura soggettiva che attengono alle capacità economiche, finanziarie e tecniche dei concorrenti possono essere presi in considerazione per l’ammissione alla gara, ma non possono essere applicati per la selezione delle migliori offerte, dovendo queste essere valutate esclusivamente sulla base del loro contenuto qualitativo pertinente all’oggetto dell’appalto secondo le esemplificazioni contenute nell’art. 83 del Codice dei contratti pubblici, e con l’esclusione delle qualità soggettive dei concorrenti (cfr., Determinazione AVCP 24 novembre 2011 n. 7).