Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 84 del 22/05/2013 - rif. PREC 34/13/L

Parere di Precontenzioso n. 84 del 22/05/2013 - rif. PREC 34/13/L d.lgs 163/06 Articoli 38, 46 - Codici 38.1, 46.1
Collegio sindacale. Certificazione antimafia. L.R. Sicilia n. 12/2011 art. 17- Le clausole del disciplinare di gara che estendono, a pena di esclusione, ai membri del collegio sindacale e dell’organo di amministrazione di una società l’obbligo di certificazione antimafia risultano legittime poiché rientranti a pieno titolo nell’ambito dell’art. 17, della L.R. Sicilia n. 12/2011 e, pertanto, trovano copertura normativa ai sensi dell’art. 46 co. 1 bis D. Lgs. 163/2006. La stessa conclusione non vale riguardo l’estensione ai membri del collegio sindacale, a pena di esclusione, degli oneri certificativi inerenti l’assenza di precedenti penali di cui all’art. 38, comma 1, lett. c), del D. Lgs. 163/2006, i quali requisiti non hanno alcuna attinenza con la certificazione antimafia e con la previsione di cui all’art. 17, della L.R. Sicilia n. 12/2011. In forza del principio di tassatività delle cause di esclusione di cui all’art. 46, comma 1 bis, del D. Lgs. 163/2006, non è possibile introdurre nei bandi di gara ulteriori fattispecie escludenti che non abbiano fondamento normativo.