Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 148 del 25/09/2013 - rif. PREC 115/13/L

Parere di Precontenzioso n. 148 del 25/09/2013 - rif. PREC 115/13/L d.lgs 163/06 Articoli 38, 46 - Codici 38.1.5, 46.1.1
Artt. 38, 48, 243-bis del d.lgs. n. 163/2006 – Vizi della dichiarazione sul collegamento sostanziale e conseguente esclusione- Sussiste l’obbligo per le società che partecipano a consorzi stabili di dichiarare, ai sensi dell’art. 38, comma 1 m-quater, del D. Lgs. n. 163/2006, il legame con in consorzio, favorendo di conseguenza l’accertamento da parte della Stazione appaltante circa la fattispecie escludente relativa alla imputabilità delle diverse offerte ad un unico centro decisionale: detti obblighi dichiarativi devono essere assolti a prescindere dalle risultanze che possono trarsi dalla documentazione prodotta dai concorrenti unitamente alla domanda di partecipazione (nella specie, gli attestati SOA).
Parere di Precontenzioso n. 148 del 25/09/2013 - rif. PREC 115/13/L d.lgs 163/06 Articoli 38, 40, 48 - Codici 38.1, 40.1, 48.1
La circostanza che un concorrente non utilmente classificato in graduatoria abbia perduto i requisiti di partecipazione successivamente all’esame della documentazione prodotta in fase di gara non incide sull’esito della stessa, sussistendo l’obbligo, per la stazione appaltante, ai sensi dell’art. 48 comma 2 del D. Lgs. n. 163/2006, di verificare il possesso e la permanenza dei prescritti requisiti, anche di qualificazione, in capo alle imprese collocate al primo o al secondo posto in graduatoria.
Parere di Precontenzioso n. 148 del 25/09/2013 - rif. PREC 115/13/L d.lgs 163/06 Articoli 38 - Codici 38.1
Nelle gare d'appalto il c.d. falso innocuo è istituto insussistente atteso che la completezza delle dichiarazioni rese è già di per sé un valore da perseguire perché consente, anche in ossequio al principio di buon andamento dell'amministrazione e di proporzionalità, la celere decisione in ordine all'ammissione dell'operatore economico alla selezione.