Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 157 del 09/10/2013 - rif. PREC 56/13/L

Parere di Precontenzioso n. 157 del 09/10/2013 - rif. PREC 56/13/L d.lgs 163/06 Articoli 14, 15, 37 - Codici 14.1, 15.1, 37.1.2
Artt. 14, 15 e 37 del Codice – Appalto misto di lavori e servizi – Ammissibilità della costituzione di A.T.I. verticale . Lavori di lavori di escavazione e dragaggio dei fondali del porto. --- Con riferimento ad un appalto misto di lavori e servizi, a cui prenda parte un raggruppamento verticale, l’obbligo di specificare le parti di lavori o servizi che saranno eseguite da ciascuna impresa raggruppata deve ritenersi assolto sia in caso di indicazione descrittiva delle singole prestazioni -da cui sia ricavabile il riparto di esecuzione tra imprese associate- sia in caso di indicazione percentuale della quota di riparto delle prestazioni tra le singole imprese, considerando la natura complessa o semplice dell’oggetto dell’appalto e la sostanziale idoneità delle indicazioni ad assolvere alle finalità di riscontro della serietà ed affidabilità dell’offerta, per consentire alla stazione appaltante di individuare ex ante l’oggetto e l’entità delle prestazioni che saranno eseguite dalle singole imprese raggruppate (cfr. Cons. Stato, ad. plen., 13 giugno 2012 n. 22).
Parere di Precontenzioso n. 157 del 09/10/2013 - rif. PREC 56/13/L d.lgs 163/06 Articoli 15, 37, 40 - Codici 15.1, 37.1.2, 40.3
Artt. 14, 15 e 37 del Codice – Appalto misto di lavori e servizi – Ammissibilità della costituzione di A.T.I. verticale . Lavori di lavori di escavazione e dragaggio dei fondali del porto. --- In un appalto misto di lavori e servizi è generalmente ammessa la presentazione di offerta nella forma di associazione temporanea di tipo verticale: considerato che nell’ATI di tipo verticale un’impresa, ordinariamente capace per la prestazione prevalente, si associa ad una o più imprese provviste della capacità per le prestazioni secondarie scorporabili, risulta illegittima l’esclusione di una associazione temporanea di imprese che, come nel caso in esame, vede la capogruppo in possesso di attestazione SOA per la categoria OG7, classifica VIII, di modo che può assumere l’esecuzione delle lavorazioni previste dal capitolato d’appalto per l’intero importo, mentre la mandante è iscritta all’Albo Nazionale Gestori Ambientali per la categoria 4, classifica C, ed è, pertanto, abilitata ad eseguire per l’intero il servizio di trasporto e smaltimento in discarica dei rifiuti speciali non pericolosi provenienti dai lavori di dragaggio dei fondali del porto.