Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 160 del 09/10/2013 - rif. PREC 153/13/L

Parere di Precontenzioso n. 160 del 09/10/2013 - rif. PREC 153/13/L d.lgs 163/06 Articoli 36, 37, 38 - Codici 36.1, 37.1, 38.1.5
Artt. 36 e 37 del Codice – consorzio stabile – divieto di partecipazione alla medesima gara per la sola impresa consorziata designata in sede di offerta. --- E’ illegittima per violazione dell’art. 36, quinto comma, del D. Lgs. n. 163/2006 l’esclusione di un consorzio stabile che abbia doverosamente indicato, in sede di offerta, altra impresa consorziata per l’esecuzione dell’appalto e che non ha preso parte autonomamente alla gara; infatti, soltanto alle imprese così designate è vietata la partecipazione alla gara in qualsiasi altra forma, restando, in ogni caso, preclusa la partecipazione di un’impresa a più di un consorzio stabile. La mera partecipazione dell’impresa ad un determinato consorzio stabile non rappresenta, infatti, un elemento univoco e sufficiente di per sé a fondare la presunzione dell’esistenza di un unico centro decisionale, potenzialmente idoneo a compromettere la genuinità del confronto concorrenziale (cfr. AVCP parere 19 luglio 2012 n. 116). Solo laddove la stazione appaltante verifichi, in concreto, che il rapporto fra gli organi delle consorziate e del consorzio conduca ad individuare la presenza di un rapporto di controllo e la creazione di un unico centro decisionale per la formulazione delle offerte tecnico-economiche, si potrà procedere all’esclusione ai sensi dell’art. 38, primo comma – lett. m-quater), del D.Lgs. n. 163/2006. (cfr. Cons. Giust. Amm. Sicilia, 4 febbraio 2010 n. 101).