Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 185 del 06/11/2013 - rif. PREC 198/13/S

Parere di Precontenzioso n. 185 del 06/11/2013 - rif. PREC 198/13/S d.lgs 163/06 Articoli 56 - Codici 56.1
Art. 56 d.lgs. n. 163/2006. Procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara. Richiesta di proposte migliorative da parte della stazione appaltante. Legittimità- In una procedura negoziata ex art. 56, del D. Lgs. n. 163/2006, in caso di svolgimento della fase endo procedimentale di ulteriore negoziazione, ove prevista nella lex specialis, è legittimo l’individuazione di un nuovo prezzo-base, coincidente con la migliore offerta presentata in gara: ciò giustifica la divulgazione delle tre migliori offerte pervenute, in quanto la fase suppletiva di negoziazione ha l’effetto di azzerare le posizioni di graduatoria acquisite nel precedente stadio e di far ottenere all’Amministrazione un significativo sconto rispetto alle condizioni economiche fin lì ottenute. Né un tale modus procedendi si pone in contrasto con la fondamentale regola di imparzialità tra i concorrenti - alla cui salvaguardia è preordinata la segretezza delle offerte -, in quanto la riservatezza delle scelte operate dalle imprese va assicurata solo nella fase in cui le stesse formulano la loro offerta, per evitare che l’una influenzi l’altra, e non ha invece ragion d’essere quando, come nella fattispecie, si è esaurito lo stadio della procedura caratterizzato dal vaglio delle migliori offerte e dall’individuazione della soglia di prezzo cui aver riguardo per l’ulteriore e autonoma contrattazione, in ossequio quindi della regola codificata nell’art. 56, comma 3, del d.lgs. n. 163 del 2006 (“Nel corso della negoziazione le stazioni appaltanti garantiscono la parità di trattamento tra tutti gli offerenti, e non forniscono in maniera discriminatoria informazioni che possano avvantaggiare determinati offerenti rispetto ad altri”).