Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 200 del 20/11/2013 - rif. PREC 171/13/S

Parere di Precontenzioso n. 200 del 20/11/2013 - rif. PREC 171/13/S d.lgs 163/06 Articoli 38 - Codici 38.1
Art. 38 D. Lgs. 163/2006. Dichiarazione unica resa dal rappresentante legale anche per conto terzi.--- E’ possibile per il rappresentante legale di un’ impresa rendere la dichiarazione di cui all'art. 38 del D. Lgs. n. 163/2006 circa le condanne ostative, con riferimento espresso anche agli altri soggetti nei cui confronti il requisito va comprovato, a patto però, che dalla stessa dichiarazione sia possibile ricavare l'indicazione analitica e nominativa dei predetti altri soggetti, non solo per consentire alla stazione appaltante di compiere le necessarie verifiche, ma anche per l'assunzione di responsabilità del dichiarante per il caso di non veridicità di quanto attestato (l T.A.R. Lazio (Sez. Il TER, 28 ottobre 2013, n. 9185, ex multis Cons. stato sez. III, 1 luglio 2013, n. 3544; Cons. Stato, III, 16 novembre 2011, n. 6053). La mancata indicazione dei nominativi dei soggetti diversi dal dichiarante riguardo ai quali si attesta l'insussistenza di cause ostative sul piano della moralità, implica anche la mancata assunzione di responsabilità nel caso di non veridicità della dichiarazione che rappresenta il "proprium" del meccanismo dell'autocertificazione (Cons. Stato, sez. IV, n. 1516, 16 marzo 2012; n. 6053, 16 novembre 2011; sez. V, n. 7578, 20 ottobre 2010). Qualora il disciplinare di gara affermi che la dichiarazione sostitutiva dovrà essere resa anche da tutti i soggetti indicati dall'art. 38, comma 1, lett. c), esso va interpretato nel senso che esige la dichiarazione anche con riferimento a tutti tali soggetti, ma non nel senso di escludere la possibilità di rendere dichiarazione a mezzo rappresentante, in deroga al principio generale che le dichiarazioni di scienza possono essere rese a mezzo rappresentante (Cons. Stato, 20 giugno 2012 n. 3590).