Massime per Atto Ricercato: Parere di Precontenzioso n. 213 del 18/12/2013 - rif. PREC 175/13/F

Parere di Precontenzioso n. 213 del 18/12/2013 - rif. PREC 175/13/F d.lgs 163/06 Articoli 3, 59 - Codici 3.1, 59.1
Art. 59, comma 8 del Codice - accordo quadro concluso con più operatori economici - modificabilità delle condizioni contrattuali - obbligo di presentazione della cauzione- Nell’ipotesi di accordo quadro con più operatori economici, l'art. 32, quarto comma, della Direttiva 2004/18/CE e l'art. 59, comma 8, del D. Lgs. n. 163/2006 "qualora l’accordo quadro non fissi tutte le condizioni", consente alle amministrazioni di affidare i singoli appalti "dopo aver rilanciato il confronto competitivo fra le parti in base alle medesime condizioni, se necessario precisandole, e, se del caso, ad altre condizioni indicate nel capitolato d'oneri dell'accordo quadro", secondo una procedura trasparente disciplinata solo nei tratti essenziali (obbligo di consultazione scritta delle imprese aderenti all'accordo quadro, fissazione di un termine ragionevole per la presentazione delle offerte, forma scritta e segretezza delle offerte fino alla scadenza del termine, aggiudicazione del singolo appalto al migliore offerente sulla base dei criteri fissati nel capitolato d'oneri dell'accordo quadro).
Parere di Precontenzioso n. 213 del 18/12/2013 - rif. PREC 175/13/F d.lgs 163/06 Articoli 3, 59 - Codici 3.1, 59.1
Nell’accordo quadro con più operatori, nell'ambito del rilancio competitivo, le imprese selezionate possono offrire un ulteriore ribasso sul prezzo insieme ad eventuali migliorie tecniche e ad ogni ulteriore elemento di specificazione delle condizioni qualitative e quantitative fissate con la stipula dell'accordo quadro, naturalmente nel rispetto del principio di par condicio, secondo modalità trasparenti e non discriminatorie.
Parere di Precontenzioso n. 213 del 18/12/2013 - rif. PREC 175/13/F d.lgs 163/06 Articoli 3, 59 - Codici 3.1, 59.1
Ai fini dell'aggiudicazione delle singole forniture, è possibile valutare le offerte tecniche ed economiche migliorative. I concorrenti potranno confermare il prezzo offerto nella gara per l'aggiudicazione dell'accordo quadro, ovvero potranno offrire un ribasso ulteriore e conseguire il punteggio supplementare. La facoltà di richiedere miglioramenti qualitativi e di specificare le caratteristiche tecniche dei prodotti, nella fase di aggiudicazione dei singoli appalti, non è motivo di indeterminatezza della prestazione, né configura violazione delle regole concorrenziali.
Parere di Precontenzioso n. 213 del 18/12/2013 - rif. PREC 175/13/F d.lgs 163/06 Articoli 33, 59, 83 - Codici 33.1, 59.1, 83.1
In una procedura per l’aggiudicazione di un accordo quadro con più operatori economici bandita da una centrale di committenza, è illegittima la mancata previsione ex ante, fin dall’indizione della procedura medesima, dei sub-criteri e dei sub punteggi per la valutazione delle offerte tecniche da utilizzarsi per l’aggiudicazione dei singoli appalti.
Parere di Precontenzioso n. 213 del 18/12/2013 - rif. PREC 175/13/F d.lgs 163/06 Articoli 113, 33, 59, 75 - Codici 113.1, 33.1, 59.1, 75.1
Gli artt. 75 e 133 del D. Lgs. n. 163/2006 prevedono anche per gli appalti affidati in forma aggregata da centrali di committenza che le imprese concorrenti sono tenute a corredare l’offerta della garanzia provvisoria e della garanzia fideiussoria definitiva: non è, tuttavia, contemplata la prestazione di un'ulteriore garanzia a carico delle imprese che concorrono all'affidamento dei singoli appalti; infatti, l'estensione dell'ambito applicativo degli artt. 75 e 113 è cosa ben diversa dall'introduzione a carico dei concorrenti di una terza ed atipica forma di garanzia di importo indefinito, che si aggiunga a quella provvisoria a corredo dell'offerta, ed a quella definitiva che accompagna l'esecuzione del contratto. Per l’accordo quadro che si sviluppa in due separate procedure di gara, non è prevista la prestazione di cauzione a carico delle imprese alle quali è stato aggiudicato l’accordo a garanzia della sua esecuzione (cioè a garanzia della corretta partecipazione alle procedure di rilancio competitivo per l’aggiudicazione dei singoli appalti