Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori , servizi e forniture

Deliberazione n. 41 del 20.02.2007

PREC24/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dal Comune di Spezzano Albanese - adeguamento strutturale scuola media statale San Giovanni Bosco.


Il Consiglio


Vista la relazione dell'Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto

In data 18 gennaio 2007 è pervenuta all'Autorità l'istanza di parere in oggetto con la quale il Comune di Spezzano Albanese ha rappresentato la controversia insorta con la ditta SMAC di Milordo Rag. Angelo Luigi, escluso dalla gara indicata in oggetto per aver presentato la dichiarazione di cui al punto 3 del disciplinare di gara priva della sottoscrizione su ciascuno dei fogli intermedi di cui si compone, né è presente, tra i fogli stessi, alcuna sigla di unione.


A riscontro dell'istruttoria procedimentale, l'impresa esclusa ha ribadito quanto già rappresentato all'Amministrazione, richiamando la mancata previsione nel disciplinare di gara di particolari formalità per la redazione della dichiarazione di che trattasi.


Ritenuto in diritto


Le modalità di invio e sottoscrizione delle istanze, ivi comprese le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà, trasmesse alla pubblica amministrazione sono disciplinate dall'articolo 38 del d.P.R. 445/2000, il cui comma 3 prescrive che siano sottoscritte dall'interessato e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore.

In virtù del principio della semplificazione della documentazione amministrativa, che informa il citato d.P.R., non sono previste particolari formalità.

Nel caso di specie, la Commissione di gara, ha ritenuto non in regola la dichiarazione presentata dal concorrente in quanto non firmata in ciascuna delle pagine di cui si compone e tra le stesse non c'è alcuna sigla di unione. Si precisa che il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione al riguardo.

Si fa presente che i ritenuti inadempimenti formali sono invece prescritti dall'articolo 18 del d.P.R. 445/2000, che disciplina l'autenticazione delle copie effettuata dal pubblico ufficiale.

Di contro, nel caso di dichiarazioni sostitutive, la recente giurisprudenza amministrativa si è espressa nel senso che "il vigente ordinamento non esclude in alcun modo la valida utilizzabilità di un unico supporto documentale consistente in una o più pagine e senza la necessità che dette singole pagine siano sottoscritte singolarmente o semplicemente controfirmate dal dichiarante, purchè consti la sottoscrizione finale" (TAR Puglia, Lecce, sez. II 24.10.2006 n. 5040 e 6.5.2005 n. 2686;T.A.R. Liguria, sez. II, n. 426/2003).

Come rilevato nelle citate pronunce, non si rinviene nell'art. 38 del d.P.R. n. 445/2000 e nemmeno in altre parti di detto testo normativo l'obbligo che le dichiarazioni sostitutive corredate su più pagine debbano essere sottoscritte in ciascuna pagina, mentre va evidenziato lo spirito di semplificazione dei rapporti fra amministrazione e cittadino che informa l'intero Testo Unico sulla documentazione amministrativa.


In base a quanto sopra considerato

Il Consiglio


ritiene non conforme l'esclusione della ditta SMAC di Milordo Rag. Angelo Luigi dalla gara di che trattasi.



IL CONSIGLIERE RELATORE

Luigi Giampaolino


IL PRESIDENTE RELATORE

Alfonso M. Rossi Brigante


Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 2 Marzo 2007