Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori , servizi e forniture

Deliberazione n. 102 del 4.04.2007

PREC76/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dal Comune di Positano – servizio di trasporto scolastico.


Il Consiglio


Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto


In data 27 febbraio 2007 è pervenuta all’Autorità l’istanza di parere in oggetto con la quale Il Comune di Positano ha rappresentato la controversia insorta in sede di gara a seguito dell’ammissione con riserva della ditta Eurotour di Gianfranco Salomone s.n.c..

Nella seduta pubblica (5 febbraio 2007) per l’aggiudicazione dell’appalto a procedura aperta in esame, la ditta Flavio Gioia s.a.s. ha infatti contestato la regolarità dell’ammissione della citata Eurotour s.n.c. in quanto, a suo avviso, la medesima non è in possesso dei requisiti di partecipazione all’appalto.

In particolare, viene evidenziato che la precedente gara è stata annullata per accertata dichiarazione non veritiera rilasciata dall’aggiudicatario, Eurotour di Giuseppe Massarini s.n.c., successivamente modificata in Eurotour di Gianfranco Salomone s.n.c.. Detta impresa ha quindi partecipato alla nuova gara, con una diversa denominazione sociale, mantenendo, tuttavia, la stessa partita IVA ed iscrizione alla Camera di Commercio. A parere del concorrente Flavio Gioia, la mendace dichiarazione resa nella precedente gara, determina l’impossibilità di partecipare alla gara di che trattasi, in virtù dei disposti dell’articolo 38, comma 1, lettera h) del d. Lgs. n. 163/2006.


A riscontro dell’istruttoria procedimentale, la ditta Eurotour di Gianfranco Salomone s.n.c. ha evidenziato che la giurisprudenza amministrativa ha ritenuto che le dichiarazioni mendaci rilevano come cause di esclusione esclusivamente in riferimento alle gare nelle quali sono state rese e che la disposizione di cui all’articolo 38, comma 1, lettera h) del d. Lgs. n. 163/2006 non trova applicazione, non essendo ancora stato attivato da parte dell’Osservatorio istituito presso l’Autorità, il relativo Casellario, dal quale le Amministrazioni rilevano i dati concernenti le false dichiarazioni.


In riscontro alla richiesta di osservazioni, la ditta Flavio Gioia s.a.s. ha rappresentato che la S.A. non può contestare l’evidenza dei fatti relativi alla piena conoscibilità della falsa dichiarazione, resa nei confronti della medesima stazione appaltante.


In data 26 marzo il Comune di Positano ha inviato una integrazione dell’istanza di parere, nella quale ha evidenziato che dal certificato della Camera di Commercio della ditta Eurotour di Gianfranco Salomone s.n.c. non si evince il nominativo del direttore tecnico che risulta essere il soggetto in possesso dell’attestato di idoneità professionale per l’espletamento del servizio di trasporto scolastico, né risulta che la stessa Ditta sia iscritta nel Ruolo Provinciale Gestori del Servizio Trasporto Scolastico.

L’Amministrazione, infine, ha rappresentato che in sede di verifica delle dichiarazioni rese in gara, l’Agenzia delle Entrate ha comunicato l’esistenza, nei confronti della Eurotour di Gianfranco Salomone s.n.c., di una irregolarità fiscale contestata con provvedimento non definitivo, e lo Sportello DURC ha comunicato l’esistenza di una controversia amministrativa/giudiziale relativa ad un debito contributivo, non avente carattere definitivo.


Ritenuto in diritto


1. Ai sensi del punto 6, lettera d) del bando di gara, l’impresa concorrente deve produrre copia conforme dell’attestato di capacità professionale, rilasciato dal competente Ufficio Provinciale del Dipartimento Trasporti Terrestri che abilita l’interessato a dirigere l’attività di trasporto, ai sensi dell’articolo 7 del D.M. 20/12/1991 n. 448.

Il plico contenente la documentazione amministrativa da produrre in sede di gara, a pena di esclusione, deve includere copia dell’attestato di iscrizione nel Ruolo Provinciale Gestori del Servizio Trasporto Scolastico.

Dalla documentazione acquisita in atti, risulta:

- in sede di gara, il socio unico della Eurotour s.n.c., Gianfranco Salomone, ha dichiarato che, a seguito della modifica dei patti societari, ha attivato le procedure per l’aggiornamento del certificato di iscrizione nel Ruolo Provinciale Gestori del Servizio di Trasporto Scolastico, alla data di scadenza della presentazione delle offerte (2.2.2007) riferito alla Eurotour s.n.c. di Giuseppe Massarini;

- l’attestato di idoneità professionale di cui al D.M. 20/12/1991 n. 448, è riferito al signor Scognamiglio Michele.


Nel corso della verifica delle dichiarazioni rese in gara dalla Eurotour s.n.c. di Gianfranco Salomone, l’Amministrazione ha accertato che:

- l’Ufficio Albi Speciali della Camera di Commercio ha dichiarato di non poter certificare la posizione di iscrizione della società in questione nel Ruolo Provinciale Gestori del Servizio di Trasporto Scolastico, in quanto la stessa iscrizione è in corso di variazione per intervenuta modifica dei patti sociali della società;

- il certificato della Camera di Commercio non riporta il nominativo del soggetto che riveste la qualifica di direttore tecnico e pertanto la S.A. non ha potuto effettuare alcuna verifica al riguardo, soprattutto ai fini dell’attestato di idoneità professionale;

- la certificazione di regolarità fiscale rilasciata dall’Agenzia delle Entrate, riporta omessi/ritardati versamenti per ruoli non ancora notificati;

- il DURC evidenzia che è in corso una controversia amministrativa/giudiziale relativa all’esistenza di un debito contributivo.


In ordine al momento rispetto al quale il concorrente deve essere in possesso dei requisiti di partecipazione alla gara, l’orientamento giurisprudenziale costante è nel senso che gli stessi devono essere posseduti, in caso di procedura aperta, alla data di scadenza prevista per la presentazione delle offerte.

Per quanto attiene ai requisiti di idoneità professionale, quali quelli di cui al D.M. 20/12/1991 n. 448 e l’iscrizione al Ruolo Provinciale Gestori del Servizio di Trasporto Scolastico, l’articolo 39, comma 4 del d. Lgs. n. 163/2006, riconosce alla S.A. la facoltà di inserire nei bandi relativi agli appalti pubblici di servizi, laddove i candidati debbano essere in possesso di una particolare autorizzazione, specifica clausola concernente l’obbligo di provare il possesso di tale autorizzazione.

In presenza di un bando di gara che prevede, come nel caso di specie, la sopra riportata clausola, è onere del concorrente non solo produrre le dichiarazioni sostitutive previste dal bando, ma anche accertarsi che i documenti correlati ovvero comprovanti il possesso di un determinato requisito siano completi ed adeguatamente aggiornati.

Infatti, in presenza di una lex specialis della gara che non presenti alcun margine di ambiguità, non si può vanificare e privare di ogni significato la prescrizione delle norme di gara richiedente la certificazione de qua, lasciando ogni onere di accertamento all’Amministrazione, laddove, invece, la lex specialis ha espressamente individuato la documentazione da presentare a pena di esclusione dalla gara e ne ha posto la produzione a carico esclusivo dell’impresa partecipante. Peraltro, l’errore nella documentazione esibita, imputabile alla scarsa diligenza del concorrente nel presentare documenti non verificati nel loro contenuto, non è affatto ininfluente, potendo determinare l’incertezza sulla identità del soggetto giuridico iscritto nel Ruolo Provinciale Gestori del Servizio di Trasporto Scolastico e sul soggetto in possesso dell’idoneità professionale per dirigere l’attività di trasporto di viaggiatori.


2. Relativamente alla presenza di una controversia amministrativa/giudiziale relativa all’esistenza di un debito contributivo, risultante dal DURC, si precisa che con deliberazione n. 28/2007, l’Autorità ha statuito che la S.A. deve verificare, anche in contraddittorio con l’impresa, se la stessa si sia avvalsa di ricorsi giurisdizionali o amministrativi avverso atti di accertamento del debito prima della scadenza del termine per la presentazione delle offerte, nel qual caso deve essere considerata in regola con gli obblighi contributivi.

Per quanto attiene all’irregolarità fiscale contestata con provvedimento non definitivo, si precisa che la stessa non rileva ai fini dell’esclusione, stante il disposto dell’articolo 38, comma 1, lettera g) del d. Lgs. n. 163/2006, che prevede una violazione definitivamente accertata rispetto agli obblighi relativi al pagamento di imposte e tasse.


3. Per quanto attiene infine, alle eccezioni sollevate in ordine alla falsa dichiarazione resa dalla ditta Eurotour di Giuseppe Massarini s.n.c. in sede di partecipazione alla precedente gara, si fa presente che la problematica risulta assorbita dalle precedenti considerazioni.


In base a quanto sopra considerato


Il Consiglio


ritiene che è conforme alle disposizioni normative in materia di appalti di servizi pubblici – articolo 39, comma 4 del d. Lgs. n. 163/2006 – l’esclusione dalla gara del concorrente che non ha presentato i prescritti documenti attestanti il possesso dei requisiti di idoneità professionale.



IL CONSIGLIERE RELATORE
  
Luigi Giampaolino


IL PRESIDENTE

Alfonso M. Rossi Brigante


Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 17 aprile 2007