Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e Forniture


Deliberazione n. 3 del 12 gennaio 2007

PREC44/06

Oggetto: istanze di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentate dall’Autorità di Bacino dei fiumi Liri Garigliano e Volturno – servizi “Progetto di recupero e riqualificazione degli arenili. Metodologia di sviluppo Sostenibile. Il caso del Litorale Dominio nel Comune di Castel Volturno.” Importo stimato € 196.000,00.


IL CONSIGLIO


Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto

In data 13 dicembre 2006 sono pervenute all’Autorità le istanze di parere in oggetto con le quali la stazione appaltante ha rappresentato le seguenti controversie insorte in sede di gara:


1. il Dipartimento di cultura del Progetto della II Università degli studi di Napoli ha presentato il plico contenente l’offerta entro le ore 12 del 7 dicembre 2006 e non entro le ore 12 del giorno 6.12.2006, in ciò erroneamente indotta da quanto pubblicato nel sito internet della stazione appaltante, che riportava, quale data di pubblicazione del bando di gara sulla G.U.R.I. dalla quale far decorrere i termini per la presentazione del plico, il 21.11.2006 anziché il 20.11.2006 – il concorrente è stato ammesso con riserva;


2. il R.T.P. prof. Arch. Guido Riano e altri ha presentato le richieste referenze bancarie esclusivamente per il mandatario e non anche per i mandanti – il raggruppamento è stato ammesso con riserva.


A riscontro della richiesta di informazioni effettuata dall’Autorità nell’istruttoria procedimentale, il Dipartimento di cultura di Progetto ha presentato le proprie osservazioni in merito alla questione sub 1), ribadendo quanto già rappresentato alla S.A. relativamente al legittimo affidamento conseguente a quanto pubblicato sul sito internet dell’Autorità di Bacino e che l’errore nel quale è incorso deve imputarsi esclusivamente alla S.A.


Il R.T.P., relativamente alla questione sub 2), ha evidenziato che il disciplinare di gara non prevedeva espressamente a carico di ciascun componente il raggruppamento l’esibizione delle referenze bancarie, a differenza di quanto prescritto per gli altri requisiti di capacità economica e tecnico professionali. Inoltre, viene evidenziato che il mandatario è in possesso singolarmente del 100 per cento dei requisiti richiesti per la partecipazione alla gara.


Ritenuto in diritto


1. Il principio costituzionale del buon andamento e dell’imparzialità dell’azione amministrativa trova applicazione nella tutela dell’affidamento incolpevole dei concorrenti ad una gara di appalto che in buona fede hanno tenuto un determinato comportamento basandosi su informazioni, documentazioni o pubblicazioni esibite dall’amministrazione anche tramite pubblicazione informatica. (cfr. TAR Sardegna, Cagliari, 22.10.2004 n. 1507) Infatti, la pubblicazione dei bandi di gara e della documentazione correlata sul sito istituzionale internet delle amministrazioni, è facoltà prevista dall’articolo 80, comma 6, del d.P.R. n. 554/99.


Ne consegue che l’errore effettuato dalla S.A.circa l’indicazione della data di pubblicazione del bando non può avere effetti sul concorrente in buona fede e pertanto l’offerta presentata dal Dipartimento degli studi dell’Università degli studi di Napoli è da considerarsi ammissibile alla procedura concorsuale.


2. Per quanto attiene alla dimostrazione del possesso dei requisiti in capo al R.T.I. arch. Guido Riano e atri, si evidenzia che il disciplinare di gara, ai numeri 6 e 7, prescrive che la capacità finanziaria ed economica, nonché quella tecnica professionale viene dimostrata cumulativamente dal raggruppamento di prestatori di servizi. I requisiti stessi devono essere posseduti dal mandatario per almeno il 60 per cento e dai mandanti per almeno il 10 per cento.


Al successivo numero 9.1- Documentazione di gara, si disciplinano le modalità di presentazione della documentazione richiesta per la partecipazione alla gara e, nei successivi punti, si prevedono espresse disposizioni cui devono attenersi i raggruppamenti di prestatori di servizi nella presentazione delle singole dichiarazioni. Relativamente ai requisiti concernenti il fatturato globale, i servizi eseguiti ed il personale tecnico (punti 3, 8 e 10), è previsto che la relativa dichiarazione venga esibita da ciascun partecipante al raggruppamento, mentre per quanto attiene alle referenze bancarie (punto 4), non viene prescritto alcun particolare adempimento.


Quanto sopra è in linea con i disposti di cui all’articolo 65, comma 4, del d.P.R. 554/1999 che riconosce alle S.A. la facoltà di prevedere quote percentuali massime di requisiti a carico della capogruppo, limitatamente però a quelli “frazionabili”, individuati dal successivo articolo 66 nei requisiti del fatturato globale, dei servizi analoghi e del personale tecnico.


In assenza di espressa disposizione del disciplinare di gara, la presentazione da parte del solo mandatario delle referenze bancarie assolve la dimostrazione del requisito, tenuto conto che il raggruppamento si qualifica dimostrando cumulativamente i possesso dei requisiti richiesti per il singolo partecipante e la suddivisione percentuale dei requisiti può attenere, come sopra individuato, esclusivamente quelli afferenti al fatturato globale, ai servizi analoghi ed al personale tecnico.


Deve inoltre rilevarsi, che laddove, come nel caso di specie, il concorrente sia in possesso del 100 per cento dei requisiti, lo stesso è comunque abilitato a partecipare alle procedure di gara, potendo già concorrere singolarmente.


In base a quanto sopra considerato


IL CONSIGLIO


ritiene:


1. ammissibile alla procedura concorsuale l’offerta del Dipartimento degli studi dell’Università degli studi di Napoli, avendo il concorrente fatto affidamento in buona fede sull’erronea indicazione della data di pubblicazione del bando nella G.U.R.I. riportata sul sito internet dell’amministrazione;


2. in mancanza di espressa previsione di gara, la presentazione delle referenze bancarie da parte del mandatario di un raggruppamento temporaneo di prestatori i servizi assolve il possesso del requisito stesso nei confronti dell’intero raggruppamento.


IL CONSIGLIERE RELATORE

Guido Moutier


IL PRESIDENTE

Alfonso M. Rossi Brigante


Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 25 Gennaio 2007