Deliberazione n. 170 del 30 Maggio 2007

PREC171/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla NO GAP Controls s.r.l. –  validazione del progetto esecutivo dei lavori di costruzione di n. 126 alloggi in Napoli via G.A. Campano. S.A. Comune di Napoli.


Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto

In data 30 gennaio 2007 il Comune di Napoli poneva a gara l’appalto indicato in oggetto, il cui termine di scadenza per la presentazione delle offerte scadeva il 18 marzo 2007. Il relativo bando di gara disponeva, ai sensi della deliberazione dell’Autorità del 26/1/2006, l’obbligo del pagamento del contributo di partecipazione alla gara pari a € 20,00.

In data 4 maggio 2007 è pervenuta l’istanza di parere indicata in oggetto, con la quale l’impresa NO GAP Controls s.r.l. contesta l’esclusione dalla gara di che trattasi per non aver esibito la ricevuta di versamento del contributo a favore dell’Autorità nonché il silenzio tenuto dall’Amministrazione in ordine a qualsiasi comunicazione sull’esito della gara.

In sede di istruttoria procedimentale, la S.A. ha rappresentato, relativamente all’eccezione concernente la mancata comunicazione dell’esclusione, che solo a decorrere dalla data di aggiudicazione definitiva l’amministrazione non può esimersi dall’effettuare le comunicazioni di rito ai concorrenti né può stipulare il contratto di appalto prima che siano decorsi 30 giorni dalle suddette comunicazioni. Pertanto, prosegue la S.A., in assenza del contratto, la stessaè ancora nei termini per le comunicazioni relative alle esclusioni dei concorrenti in sede di gara.

In data 14 giugno 2007 si è tenuta una audizione, nel corso della quale le Parti hanno ribadito quanto rappresentato in atti.


Ritenuto in diritto

Nelle risposte alle domande frequenti pubblicate sul sito, l’Autorità ha chiarito che, ai sensi della deliberazione del 26 gennaio 2006, l’affidamento degli incarichi di ingegneria ed in generale di quelli di cui all’articolo 17, commi 11 e 12, della legge 109/1994, non era soggetto agli obblighi di contribuzione a favore dell’Autorità, trattandosi di un appalto di servizi.

Con successiva deliberazione del 10 gennaio 2007 l’Autorità ha disposto l’applicazione delle disposizioni ivi contenute a partire dalle procedure di gara, relative ad appalti di lavori, servizi e forniture, avviate dal 1° febbraio 2007 in poi.

Nel caso in esame, il bando per la procedura aperta per l’affidamento del servizio di validazione del progetto esecutivo dei lavori di costruzione di n. 126 alloggi, è stato pubblicato in data 30 gennaio 2007, prima dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni sull’obbligo del versamento del contributo a favore dell’Autorità anche in relazione ad appalti di servizi.

Pertanto, il bando de qua risulta non conforme nella parte in cui dispone, ai fini della partecipazione alla gara, l’effettuazione del versamento del contributo a favore dell’Autorità.

Per quanto attiene al secondo motivo di doglianza formulato dall’impresa istante, relativo all’obbligo di comunicazione degli esiti della gara, si fa presente che ai sensi dell’articolo 79, comma 2, lettera b), del d. Lgs. n. 163/2006 le stazioni appaltanti sono tenute a comunicare ad ogni offerente escluso i motivi del rigetto della sua offerta non oltre quindici giorni dalla ricezione della domanda scritta presentata dal concorrente.

Inoltre, ai sensi del successivo comma 5, lettere a) e b), l’amministrazione è tenuta a comunicare d’ufficio, entro un termine non superiore a cinque giorni, l’avvenuta aggiudicazione nonché l’esclusione agli offerenti esclusi.

Detto dovere di informazione risponde al superiore principio di pubblicità e trasparenza dell’agire amministrativo sancito dalla legge n. 241/1990 e trova applicazione in tutte le procedure di appalto disciplinate dal Codice dei contratti, indipendentemente dal loro importo.

In base a quanto sopra considerato


Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che:

- l’esclusione dell’impresa NO GAP Controls s.r.l. non è conforme alla normativa di settore;

- la Stazione appaltante è tenuta ad effettuare nei confronti del concorrente escluso, ai sensi e nei termini previsti dall’articolo 79 del d. Lgs. n. 163/2006, la relativa comunicazione in ordine ai motivi di esclusione, nonché la comunicazione dell’avvenuta aggiudicazione.

 

Il Consigliere Relatore: Alessandro Botto

Il Presidente: Luigi Giampaolino

 

Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 28 Giugno 2007