Deliberazione n. 241 del 12 Luglio 2007

PREC150/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla Progetti e Infrastrutture s.r.l. – Ammodernamento del tracciato stradale dell’innesto SR 439 al confine Grosseto – Livorno. S.A: Provincia di Grosseto.


Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici


Considerato in fatto

In data 21.2.2007, la Provincia di Grosseto poneva a gara il bando per l’affidamento dei lavori indicati in oggetto, da aggiudicarsi con procedura aperta con il criterio di aggiudicazione del prezzo più basso, per un importo complessivo a base d’asta di Euro 3.140.000,00.

In data 19.04.2007 è pervenuta all’Autorità l’istanza di parere in oggetto, con la quale la Progetti e Infrastrutture s.r.l. ha rappresentato la controversia insorta con la Stazione Appaltante.

In particolare, la società istante nella sua ricostruzione dei fatti, contesta l’avvenuta aggiudicazione dell’appalto all’ATI Di Gabbia Adolfo & Figlio/Abate s.r.l. in quanto l’impresa mandataria possiede una certificazione di qualità rilasciata per il settore EA28, recante la dicitura “impresa di costruzioni: stesa in opera di conglomerato bituminoso”.

L’istante evidenzia come, trattandosi di lavori stradali, il bando di gara prevedesse quale unica categoria la OG3 classifica V, disponendo altresì che i concorrenti possedessero la certificazione di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO 9000: a suo parere, la certificazione di qualità dell’aggiudicataria è limitata ad una sola delle lavorazioni comprese nella categoria OG3, il cui contenuto è assai più ampio e pertanto è inidonea all’esecuzione dell’appalto in oggetto.

In sede di istruttoria documentale, la Stazione appaltante ha rappresentato che, ai sensi dell’art. 4, comma 2, del DPR n. 34/2000, la certificazione del sistema di qualità aziendale è riferita agli aspetti gestionali dell’impresa nel suo complesso con riferimento alla globalità delle categorie e delle classifiche.

L’impresa controinteressata – Di Gabbia Adolfo & Figlio s.r.l. – avvalora la tesi della S.A., richiamando a sostegno delle proprie argomentazioni la determinazione dell’Autorità n. 11 del 14 maggio 2003.


Ritenuto in diritto

L’art. 4, comma 2, del DPR 25 gennaio 2000 n. 34 recita: “La certificazione del sistema di qualità aziendale e la dichiarazione della presenza degli elementi significativi e tra loro correlati del sistema di qualità aziendale si intendono riferite agli aspetti gestionali dell’impresa nel suo complesso, con riferimento alla globalità delle categorie e classifiche”.

Il riferimento alla “globalità delle categorie e classifiche”, va inteso nel senso che, ove non diversamente specificato, la certificazione del sistema di qualità aziendale e la dichiarazione della presenza degli elementi significativi e tra loro correlati del sistema di qualità aziendale si riferiscono a tutte le categorie oggetto di attestazione.

Con determinazione n. 11/2003 l’Autorità ha espresso l’avviso secondo il quale le certificazioni di qualità devono riportare dizioni del seguente tipo “la presente certificazione si intende riferita agli aspetti gestionali dell’impresa nel suo complesso …” e che “le documentazioni e le certificazioni contenenti dizioni che indichino la loro validità soltanto per alcune delle categorie … devono, entro trenta giorni dalla eventuale richiesta delle imprese titolari dei documenti, essere modificate.”

Secondo le indicazioni fornite dall’Autorità, il possesso del sistema di qualità aziendale UNI EN ISO 9000 si intende dimostrato qualora il relativo certificato sia stato rilasciato da un organismo accreditato SINCERT per il settore EA 28 (Imprese di costruzione, installatori di impianti e servizi).

Nel caso di specie, la certificazione di qualità presentata dall’impresa Di Gabbia Adolfo & Figlio s.r.l., acquisita in atti, risponde alle prescrizioni sopra riportate.

In base a quanto sopra considerato


Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, conforme alla normativa di settore l’aggiudicazione della gara di che trattasi all’associazione temporanea di imprese Di Gabbia Adolfo & Figlio s.r.l./Abate s.r.l.

 

Il Consigliere Relatore: Guido Moutier

Il Presidente: Luigi Giampaolino

 

Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 19 Luglio 2007