Parere n. 59 del 28/02/2008

PREC 479/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla Verde 2000 s.n.c. – riconversione di uno spazio degradato in piazza da utilizzare anche per l’organizzazione di mostre etc. nel Comune di Locri – lavori di realizzazione di piazza San Biagio. S.A: Consorzio Locride Ambiente.


Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio del precontenzioso


Considerato in fatto

In data 27.9.2007 è pervenuta all’Autorità l’istanza di parere indicata in oggetto, con la quale l’impresa Verde 2000 s.n.c. contesta l’ammissione alla gara indicata in oggetto dell’associazione temporanea di imprese Oasi del Verde di Ventura Paolo/Impresa Edile Archeo del geom. Andrea Congiusta, a suo avviso priva dei requisiti di qualificazione necessari per la partecipazione all’appalto.

Le sopra indicate imprese riunite hanno partecipato all’appalto in esame, per il quale era richiesto il possesso della categoria prevalente OS24, classifica III, utilizzando la previsione di cui all’articolo 95, comma 4, del d.P.R. 554/1999, che disciplina l’istituto della cooptazione.

L’impresa capogruppo, in possesso della qualificazione nella categoria OS24, classifica III, ha dichiarato di eseguire le lavorazioni di cui si compone l’appalto nella misura dell’80 per cento, mentre l’impresa cooptata, in possesso di qualificazione nella categoria OG1, classifica I, ha dichiarato di eseguire le lavorazioni della categoria prevalente OS24 nella misura del 20 per cento.

A parere dell’impresa istante l’associazione temporanea non è qualificata per l’appalto in esame, dal momento che l’impresa mandante, che ha dichiarato di voler eseguire il 20 per cento della categoria prevalente, non è in possesso di qualificazione nella OS24.

In sede di istruttoria procedimentale, la Stazione appaltante ha rappresentato che l’impresa capogruppo è in possesso dei requisiti di qualificazione richiesti dal bando di gara e che l’associazione ha rispettato le disposizioni di cui all’articolo 95, comma 4, del d.P.R. 554/1999.


Ritenuto in diritto

Ai sensi dell’articolo 95, comma 4, del d.P.R. 554/1999, se l’impresa singola è in possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione all’appalto (possesso della categoria prevalente per l’importo totale dei lavori) può associare altra impresa qualificata anche per categorie ed importi diversi da quelli richiesti nel bando, a condizione che i lavori eseguiti da quest’ultima non superino il 20 per cento dell’importo complessivo dei lavori e che l’ammontare complessivo delle qualificazioni dalla stessa posseduta sia almeno pari all’importo dei lavori che assumerà.

Occorre allora verificare, nel caso in esame, se ricorrono le sopra indicate condizioni, tenuto conto che:

  • l’importo complessivo dell’appalto è di € 712.537,78, categoria OS24, classifica III;
  • l’impresa capogruppo è in possesso della qualificazione nella categoria prevalente OS24, classifica III;
  • l’impresa cooptata è in possesso della qualificazione nella categoria OG1, classifica I.

Ne consegue che:

  • l’impresa capogruppo è in possesso della qualificazione per partecipare all’appalto, in quanto copre da sola la classifica III della categoria prevalente e l’importo totale dei lavori;
  • l’impresa cooptata, in possesso di classifica I (€ 258.228) risponde alle previsioni di cui al comma 4 del citato articolo 95, in quanto andrà ad eseguire il 20 per cento dell’importo complessivo dei lavori e l’ammontare della qualificazione dalla stessa posseduta copre l’ammontare dei lavori che intende assumere.

In base a quanto sopra considerato


Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che l’ammissione alla gara di che trattasi dell’associazione temporanea di imprese Oasi del Verde di Ventura Paolo/Impresa Edile Archeo del geom. Andrea Congiusta è conforme ai disposti dell’articolo 95, comma 4, del d.P.R. 554/1999.


I Consiglieri Relatori: Piero Calandra, Guido Moutier

Il Presidente: Luigi Giampaolino


Depositato presso la segreteria del Consiglio in data  06/03/2008