Parere n.63 del 18/04/2012

 

PREC 18/12/L

Oggetto: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata dall’a.t.i. Bene Luigi – Giusan s.a.s., relativa a “Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade comunali, delle reti idriche e fognarie, delle fontanine pubbliche, dell’espurgo e manutenzione delle caditoie e fogne, delle aree e spazi attrezzati pubblici e della segnaletica stradale orizzontale e verticale – euro 1.260.000,00 – S.A.: Comune di Sant’Antimo.

Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio del Precontenzioso

 

Considerato in fatto

In data 28 dicembre 2011 è pervenuta l’istanza indicata in epigrafe con la quale l’a.t.i. Bene Luigi – Giusan s.a.s., terza classificata (con un totale di 66,19 punti) nella gara indetta dal Comune di Sant’Antimo per l’affidamento triennale dei lavori in oggetto, ha chiesto un parere in merito alla legittimità dei punteggi attribuiti dalla Commissione di gara nella valutazione delle offerte ammesse.

Nell’istanza si fa riferimento, in particolare, alla posizione dell’A.T.I. Edil Mo.Ter. s.a.s./ Macfer s.r.l. (seconda classificata con un totale di 67,58 punti), e si evidenziano i seguenti profili:

1) la mandante Macfer s.r.l. non avrebbe dimostrato il possesso della certificazione di qualità aziendale UNI EN ISO 14000 e, ciò nonostante, la commissione avrebbe ugualmente attribuito all’A.T.I. Edil Mo.Ter s.a.s. ./Macfer s.r.l. i 5 punti previsti dal bando di gara per la voce “possesso di un sistema di gestione ambientale certificato secondo le norme UNI EN ISO 14000;

2) la commissione avrebbe illegittimamente trascurato i lavori eseguiti in subappalto dalla mandante Giusan s.a.s. per il Comune di Sant’Antimo, ai fini dell’attribuzione di 2,5 punti per la voce “esperienza documentabile in appalti simili al presente di manutenzione periodica e straordinaria di durata non inferiore ad un anno di strade, fogne e reti idriche”, prevista dal paragrafo 13 del bando di gara;

3) per la medesima voce, la commissione avrebbe illegittimamente assegnato 5 punti all’A.T.I. Edil Mo.Ter./Macfer s.r.l., in relazione all’appalto eseguito dalla mandante Macfer s.r.l. per il Comune di Giugliano, sebbene si tratti di affidamento triennale non ancora concluso al momento della presentazione delle offerte.

Pertanto, l’A.T.I. Bene Luigi/Giusan s.a.s., chiede di essere collocata al secondo posto in graduatoria.

In riscontro all’istruttoria procedimentale formalmente avviata in data 8 febbraio 2012, la stazione appaltante ha comunicato, con nota del 22 febbraio 2012, di aver aggiudicato provvisoriamente i lavori alla ditta Francesco Comune Costruzioni s.r.l., prima classificata con 74,27 punti.

 

Ritenuto in diritto

La questione controversa oggetto del presente esame concerne la legittimità della procedura di gara indetta dal Comune di Sant’Antimo per le ragioni evidenziate in fatto.

1) In relazione al primo dei profili contestati, il raggruppamento istante ha allegato la copia della certificazione ISO 14001:2004 conseguita il 18 marzo 2009 dalla mandataria Edil Mo.Ter. s.a.s., mentre non risulta che la mandante Macfer s.r.l. abbia dimostrato di possedere la certificazione del sistema di gestione ambientale. Pertanto, in assenza di controdeduzioni sul punto da parte del Comune di Sant’Antimo, deve ritenersi che la commissione abbia erroneamente attribuito all’A.T.I. in contestazione i 5 punti previsti dal paragrafo 13 del bando di gara, per la voce “possesso di un sistema di gestione ambientale certificato secondo le norme UNI EN ISO 14000, senza accertare la sussistenza del requisito soggettivo di qualificazione in capo ad entrambe le imprese temporaneamente associate.

2) Il secondo motivo di doglianza attiene alla valutazione conseguita dal raggruppamento istante, cui la commissione avrebbe negato l’attribuzione di 2,5 punti per i lavori eseguiti dalla mandante Giusan s.a.s., in qualità di subappaltatrice, per lo stesso Comune di Sant’Antimo.

Tale affermazione, tuttavia, è rimasta sfornita di prova, poiché tra gli atti pervenuti all’Autorità non vi è la certificazione relativa a detto appalto.

3) Quanto al terzo profilo, è stata prodotta copia dell’attestato rilasciato alla mandante Macfer s.r.l. in data 11 ottobre 2011 dal Comune di Giugliano, nel quale si certifica l’esecuzione di lavori, negli anni 2010 e 2011, per un importo complessivo di euro 1.192.040,00 oltre i.v.a. e si specifica che “… allo stato i lavori sono in corso di esecuzione e il termine per l’ultimazione degli stessi è previsto per il 13.01.2012”. Risulta perciò fondata la contestazione mossa dall’istante: ai sensi del paragrafo 13 del bando di gara, infatti, l’attribuzione di 5 punti per la voce “esperienza documentabile in appalti simili al presente di manutenzione periodica e straordinaria di durata non inferiore ad un anno di strade, fogne e reti idriche” avrebbe richiesto la dimostrazione dell’avvenuto svolgimento per almeno tre anni, alla data di presentazione dell’offerta, di appalti di manutenzione stradale e fognaria di importo annuo minimo superiore ad euro 250.000, mentre la Macfer s.r.l. ha al più documentato il possesso del fatturato minimo per due soli anni, il 2010 ed il 2011.

In conclusione, sulla base degli atti trasmessi all’Autorità, deve ritenersi che la commissione di gara abbia illegittimamente attribuito all’offerta tecnica dell’A.T.I. Edil Mo.Ter. s.a.s./ Macfer s.r.l. i punti relativi alla voce “possesso di un sistema di gestione ambientale certificato secondo le norme UNI EN ISO 14000 ed alla voce esperienza documentabile in appalti simili al presente di manutenzione periodica e straordinaria di durata non inferiore ad un anno di strade, fogne e reti idriche e che, di conseguenza, l’A.T.I. Bene Luigi/Giusan s.a.s. debba essere collocata al secondo posto in graduatoria.

In base a tutto quanto sopra considerato, pertanto,

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione:

che l’A.T.I. Bene Luigi/Giusan s.a.s. debba essere collocata al secondo posto, nella graduatoria relativa alla gara indetta dal Comune di Sant’Antimo per l’affidamento triennale dei lavori di manutenzione delle strade comunali e della rete idrica e fognaria.

 

I Consiglieri Relatori: Luciano Berarducci, Andrea Camanzi

Il Presidente: Sergio Santoro

 

Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 18 aprile 2012

Il Segretario: Maria Esposito