Deliberazione  n. 9 Adunanza del  9 aprile 2014

Fasc. 1389/2012

Oggetto: 1) Ordinanza Sindacale n. 147/2009: intervento di somma urgenza per lavori di realizzazione di una bretella di collegamento tra la contrada Muscale e la via Consolare Antica, al fine di consentire l’accesso alle attività artigianali e commerciali con i mezzi pesanti. 2) Ordinanza Sindacale n. 38/2010: lavori per la messa in sicurezza della strada di  collegamento via C.Antica- contrada Muscale; 3) Ordinanza Sindacale n. 33/2012: lavori per la messa in sicurezza di via Andrea Finocchiaro Aprile (tratto compreso tra la viaC. Antica il cavalcavia).

Stazione appaltante: Comune Capo d'Orlando (ME)

Esponente: Sanfilippo Gaetano, Trusso Giuseppe, Micale Alessio e Gemmellaro Gaetano in qualità di consiglieri comunali

Importo lavori a b.a.: vari

Il Consiglio

Vista la relazione della Direzione generale della vigilanza lavori

Considerato in fatto

Con note pervenute rispettivamente in data 24.04.2012 e 06.07.2012, n. 39484 e n. 67314 i consiglieri comunali, Sanfilippo Gaetano, Trusso Giuseppe, Micale Alessio e Gemmellaro Gaetano, hanno lamentato il perpetrarsi di emanazione di ordinanze contingibili e urgenti per motivi di sicurezza pubblica.
Dalle informazioni acquisite in sede di istruttoria  è risultato che:

1. Con Ordinanza Sindacale n. 147 del 28.07.2009 “a seguito dell'apertura di una media struttura di vendita di alimentari, e una concessionaria di automobili c.da Muscale, il cui accesso era garantito dalla via Consolare Stradella, di larghezza limitata, sulla quale si aprono ulteriori attività commerciali e uno studio medico, si era creata una situazione insostenibile, per causa dell'accesso dei tir alle superiori nuove attività, che in qualche caso è degenerata in risse tra gli utenti e i residenti. Per tale motivo, il Sindaco ha emanato l'ordinanza n. 147/09, che ha creato un comodo accesso alternativo all'area commerciale/industriale, attraverso un'area di proprietà comunale, che ha consentito il collegamento tra la c.da Muscale e la S.P. 146 (via Consolare Antica).”
Modalità di Affidamento: diretto;
Ditta Esecutrice dei lavori: ARCA Service S.r.l. con sede Ficarra (ME);
Ammontare dei lavori a consuntivo: €. 50.831 (IVA compresa);
Regolarizzazione dell’ordinanza con deliberazione di G.C. n. 341/2009 (impegno e liquidazione somme);
I lavori sono consistiti nella formazione della sede stradale con formazione di fondazione stradale e fornitura e posa in opere di manto stradale bituminoso;
Non è stato stipulato alcun contratto, il rup ha asserito: “stante che i lavori sono stati eseguiti a seguito di un Ordinanza Sindacale e considerato la natura dei lavori non è stato ritenuto necessario alcun collaudo”;
Non è stato acquisito alcun CIG e/o CUP;

2. L’esecuzione dei lavori di cui all’Ordinanza Sindacale n. 38 del 19/03/2010 “si è resa necessaria urgente ed indispensabile, in quanto a seguito degli eventi alluvionali del periodo invernale, si erano manifestati eventi franosi che interessavano sia la nuova arteria creata con la precedente Ordinanza S. n. 147/2009, sia la soprastante strada statale SS. 113 con evidente pregiudizio per la pubblica incolumità.”
Modalità di affidamento: diretto;
Ditta esecutrice dei lavori: TRIGEO s.r.l. con sede in Capo d'Orlando (ME);
Ammontare della spesa a consuntivo: €. 349.518 (comprensiva di somme a disposizione e IVA);
Regolarizzazione dell’ordinanza con deliberazione di G.C. nn. 370 e 378 del 31.12.2010 (con approvazione consuntivo di spesa ed impegno maggiore somme);
I lavori sono consistiti nel consolidamento del Costone prospiciente il tracciato stradale già realizzato con Ordinanza 147/2009 attraverso la realizzazione di una Paratia in c.a, tirantata su pali.
Non è stato stipulato alcun contratto, dagli atti si rileva che il rup ha asserito: “che non necessita la stipula di contratto stante che i lavori sono stati eseguiti a seguito di un’Ordinanza Sindacale con la quale non è possibile preventivare la somma necessaria all’esecuzione dei lavori”;
Si rileva inoltre che il comune ha assegnato alla stessa impresa un contributo pari ad € 10.000 per consulenza geotecnica; collaudo statico in corso di esecuzione;
Non è stato acquisito alcun CIG e/o CUP;

3. Con Ordinanza Sindacale n. 42 del 02.04.2012 “A seguito della imminente consegna del Cavalcavia della RFI con nota prot. PA2324 del 07.03.2012, con conseguente apertura dell'intero asse viario che collega la Consolare Antica con Piazza Trifilò, bypassando in tal modo il Centro Urbano, e quindi rendendo disponibile l'arteria a tutti i tipi di traffico. Pertanto ed urgente, si è reso indispensabile mettere in sicurezza l'intera arteria per la quale è stata redatta un progetto per l'importo di €. 183.000,00”
Con Ordinanza Sindacale n. 33 del 15.03.2012, era già stato disposto al responsabile Area Manutenzioni e LL.PP. di individuare la migliore offerta per la realizzazione dell'intervento di che trattasi. L’ordinanza n. 42 evidenzia che l’UT ha trasmesso il verbale con l’esito dell’indagine di mercato.
Modalità di affidamento: procedura negoziata; con nota prot. n. 6798 del 18.03.2012 sono state invitate n. 8 imprese del territorio, inserite nell'Albo del Comune, per la categoria richiesta, sulla base del progetto redatto dall'Ufficio.
Alla data di scadenza, è pervenuta una sola offerta, e la S.A. al fine di garantire un confronto delle offerte con più imprese, con nota prot. n. 7574 del 28/03/2012 ha  invitato ulteriori n. 5 imprese.
Ditta esecutrice dei lavori: TRIGEO s.r.l. con sede in Capo d'Orlando (ME); Aggiudicazione definitiva emanata attraverso l' O. S. n. 42 del 02.04.2012.
Ammontare della spesa a consuntivo: €. 176.997,13 (comprensiva di somme a disposizione e IVA);
I lavori sono consistiti nella realizzazione delle opere di completamento del tratto realizzato con O.S. 147/2009 (dal punto A al punto B), banchine, impianti e asfalto; nel tratto dal punto B al punto C (tratto compreso tra la via C. Antica il cavalcavia) il manto di asfalto; nel tratto dal punto C al punto D, realizzazione delle banchine, degli impianti, dell’asfalto e relativa segnaletica stradale.
Consuntivi finali di spesa in corso di regolarizzazione amministrativa da parte della G.M.
Non è stato stipulato alcun contratto, dagli atti si rileva che il rup ha asserito: “che non necessita la stipula di contratto stante che i lavori sono stati eseguiti a seguito di un’Ordinanza Sindacale con la quale non è possibile preventivare la somma necessaria all’esecuzione dei lavori”;
Codici CIG  4723437F81e CUP C11B12000120004

4. Con Ordinanza Sindacale n. 82 del 21.06.2012 è stata disposta un’integrazione della O.S. n. 42/2012 per la realizzazione dell’allargamento della piazza Trifilò poiché “la realizzazione di tale arteria con la successiva apertura del cavalcavia ferroviario, porterà tutto il traffico veicolare pesante e degli autobus di linea a dover sostare e transitare nella Piazza Trifilò, la quale allo stato attuale non possiede le caratteristiche tecniche per poter consentire tutta la sopradetta veicolazione con ovvi problemi di sicurezza e di circolazione per la pubblica incolumità; considerato che in adiacenza alla Piazza Trifilò è ubicata una rampa di accesso al soprastante verde pubblico, che nella realtà è servito nell’accessibilità da ulteriori idonee vie d’accesso, pertanto è possibile utilizzare tale spazio per poter allargare la piazza Trifilò e renderla idonea allo scopo anzidetto; Che per la realizzazione di detto ampliamento, stante la natura acclive dell’area, sentiti i tecnici competenti dell’Ufficio Tecnico, si rende indispensabile la realizzazione di una paratia su pali in c.a., in modo tale da portare l’area in ampliamento allo stesso livello di quello di piazza Trifilò.” 
Affidamento: diretto in estensione dei lavori di cui all’Ordinanza Sindacale n. 42/2012; anche in questo caso la redazione della Relazione Geologica è rimessa alla ditta, “ferme restando la corresponsione delle relative spese da prevedere nella rendicontazione finale”.
Impresa Esecutrice: TRIGEO s.r.l con sede in Capo D'Orlando (ME);
Ammontare della spesa a consuntivo: €. 387.265,88; (comprensiva di somme a disposizione e IVA);
I lavori sono consistiti nella realizzazione di Paratie su pali in c.a. per l'ampliamento della Piazza Trifilò oltre alla realizzazione delle banchine, degli impianti, dell'asfalto e relativa segnaletica stradale.
Non è stato stipulato alcun contratto, dagli atti si rileva che il rup ha asserito: “che non necessita la stipula di contratto stante che i lavori sono stati eseguiti a seguito di un’Ordinanza Sindacale con la quale non è possibile preventivare la somma necessaria all’esecuzione dei lavori”;
Collaudo statico in corso di esecuzione;
Codici CIG 4723437F81e CUP C11B12000120004

Il Consiglio dell’Autorità ha esaminato nell’adunanza del 18 dicembre 2013 le risultanze istruttorie e ne ha autorizzato la trasmissione ai soggetti interessati.
Le risultanze istruttorie sono state trasmesse dal Direttore Generale della DGVICO al Sindaco e al Responsabile Area Manutenzione LL.PP. del Comune di Capo d’Orlando e agli esponenti con nota n. 8690 del 21.01.2014 e nei termini ivi indicati sono pervenute controdeduzioni.

Ritenuto in diritto

Dall’analisi dell’operato della Stazione appaltante si rileva un comportamento non conforme alle vigenti disposizioni normative.
Le Ordinanze Sindacali, in particolare per quanto riguarda gli interventi indicati ai punti 1), 3) e 4) conseguono a situazioni che si ritiene non possono essere considerate impreviste ed imprevedibili e che avrebbero potuto essere considerate dall’Amministrazione nella propria programmazione ed eseguite seguendo le procedure previste in relazione al valore dell’appalto.
Per quanto riguarda l’intervento ai punti 2 si rileva che le condizioni di somma urgenza indicate  appaiono non riferirsi chiaramente a situazioni che “non consentono alcun indugio”, come indicate al comma 1 dell’art.147 del DPR 554/99 (normativa vigente al momento dell’appalto) e che prevedono la immediata esecuzione dei lavori entro i limiti di 200.000,00 euro o comunque, riferendosi all’esecuzione messa in atto, a “quanto indispensabile per rimuovere lo stato di pregiudizio alla pubblica incolumità”.
Al riguardo si osserva che la valutazione tecnica delle condizioni di urgenza afferisce alle responsabilità del Dirigente e/o del responsabile del competente Ufficio Comunale che deve valutarle, sulla base di uno specifico verbale redatto da un tecnico Comunale e/o della P.A. a ciò abilitato.
Dall’analisi della documentazione acquisita è emerso che le lavorazioni effettuate non sono state  solo quelle strettamente necessarie a rimuovere il pericolo o a consentire il pubblico servizio. Si evidenzia che la realizzazione di ulteriori interventi a quelli strettamente necessari sarebbe dovuta avvenire, previa congrua programmazione, seguendo le procedure previste in relazione al valore dell’appalto.
Si osserva, inoltre, che in ogni caso per l’esecuzione dei lavori, le norme riguardanti il controllo e la vigilanza non possono essere derogate riferendosi a tutto l’insieme delle attività, comprese le disposizioni in materia di sicurezza (PSC, POS, coordinatori in materia di sicurezza, collaudo e/o certificazione di regolare esecuzione).
Sull’emanazione di indicazioni delle ordinanze sindacali contigibili ed urgenti per motivi di sicurezza pubblica l’Autorità si è espressa numerose volte; si richiamano, per ulteriori considerazioni, le indicazioni fornite con la determinazione AVCP n.1 /2004, la Deliberazione n 55 del 16.05.2012, e quelle fornite dal Consiglio di Stato, sezione V, nella sentenza n. 3077 del 25 maggio 2012.

In base a quanto sopra considerato,

il Consiglio

Rileva un comportamento non conforme alle norme dettate dal codice dei contratti pubblici per l’eccessivo ricorso alle procedure d’urgenza, espletate attraverso Ordinanze sindacali per circostanze che possono riferirsi invece in alcuni casi a situazioni di procurata urgenza con conseguente mancato rispetto degli adempimenti necessari alla redazione delle opere pubbliche, dalla programmazione, alla progettazione e all’affidamento degli stessi.
Rileva altresì:

  • la mancata sottoscrizione di contratti con possibili gravi problematiche per la Stazione Appaltante in relazione all’assenza di documentazione utile a definire i lavori, le condizioni economiche con cui gli stessi sono compensati, le garanzie da prestare o prestate e le penali in caso di inadempimento;
  • in alcuni casi la mancata e/o tardiva redazione di una perizia giustificativa dei lavori in oggetto da trasmettere, unitamente ove necessario anche al verbale di somma urgenza, per la sua approvazione con delibera di Giunta Comunale;
  • la realizzazione di interventi non strettamente finalizzati a rimuovere lo stato di pregiudizio o ad assicurare il pubblico servizio (esercizio della strada);
  • la mancata redazione del collaudo tecnico amministrativo e/o certificato di regolare esecuzione;
  • per taluni interventi non è stato acquisito il CIG e/o il CUP, con la conseguente elusione degli obblighi informativi verso l’Autorità di cui all’articolo 7, comma 8 del D.LGS. n. 163/06) necessari anche ai fini della tracciabilità dei flussi finanziari.

Dispone la segnalazione del caso alla Procura regionale della Corte dei Conti, per le eventuali valutazioni di competenza.

Manda alla Direzione Generale Vigilanza Lavori affinché notifichi la presente deliberazione alla stazione appaltante nella figura del Sindaco, al RUP, e agli esponenti.
Manda alla Direzione Generale SOAS per l’avvio del procedimento per i mancati obblighi informativi verso l’Autorità.

il Presidente
Sergio Santoro

Depositato presso la Segreteria del Consiglio in data 6 maggio 2014
Il Segretario: Maria Esposito