Deliberazione  n.8 Adunanza del 19  marzo 2014

Fascicolo 3319/2012

Oggetto: Affidamento progettazione e coordinamento  della sicurezza per i lavori di ristrutturazione dell’ospedale di Vipiteno

Stazione  appaltante: Provincia Autonoma di Bolzano

Esponente:  arch. Paolo Bonatti

Rif.  normativi:  :  artt. 29,  91  e 92  del D.lgs. 163/2006

 

Il Consiglio
Vista la relazione della Direzione generale della vigilanza lavori

Considerato in  fatto
Con nota del 22/11/2012, pervenuta dall’arch. Paolo  Bonatti, acquisita con prot. 116885 del 4/12/2012, relativo all’intervento in  oggetto, è stato segnalato che, a seguito di una clausola inserita nel  disciplinare di gara, la S.A. ha assegnato all'aggiudicatario ulteriori  incarichi il cui importo sarebbe di gran lunga superiore a quello previsto per  l'affidamento diretto.
Dall’istruttoria è emerso quanto segue.
La S.A. nel 2010 ha indetto una gara per l’affidamento della progettazione preliminare e  prime indicazioni per il coordinamento   di sicurezza in fase progettuale per i lavori di ristrutturazione  dell’Ospedale di Vipiteno e ampliamento della sede del servizio di soccorso  provinciale “Croce Bianca”. L’onorario posto a base di gara ammontava ad €  77.016,16 (al netto di IVA ed oneri previdenziali).
E’ stata  scelta la procedura ristretta con selezione, nella prima fase, di n. 10  concorrenti da ammettere alla seconda fase di presentazione dell’offerta. La  selezione delle candidature nella prima fase si basava sui seguenti criteri:  curricula delle persone indicate nell’organigramma (max 40 punti) e referenze  sulla base delle progettazioni svolte (max 60 punti). Per la valutazione delle  offerte nella seconda fase erano stati stabiliti i seguenti criteri: modalità  di esecuzione dell’incarico (max 70) punti e riduzione del corrispettivo della  prestazione (max 30 punti). Nel disciplinare di gara, inoltre, veniva indicato  che “L’amministrazione committente si riserva di affidare al vincitore della  presente gara ulteriori prestazioni connesse all’opera in oggetto, alle stesse  condizioni dell’offerta presentata”.
Ad avvenuta  aggiudicazione l’esponente ha presentato ricorso con istanza cautelare al  T.A.R. di Bolzano per presunte irregolarità nella valutazione fatta dalla  commissione di gara che avrebbero consentito all’arch. Strata, aggiudicatario  della gara, di passare alla seconda fase. L’istanza cautelare è stata respinta  nell'aprile 2011. 
La S.A. ha  quindi affidato la progettazione preliminare con la determina dirigenziale n.  234773 del 18/04/2012 per un importo pari ad € 62.398,61, comprensivo di IVA ed  oneri previdenziali.
Successivamente  il ricorso è stato esaminato nel merito e respinto con sentenza del luglio  2012;  l’esponente ha presentato ricorso  in appello nell'ottobre 2012 ed allo stato attuale é ancora pendente il  giudizio. Appare comunque, da quanto agli atti, che il ricorso al Consiglio di  Stato non abbia per oggetto quanto evidenziato nell’esposto, ma attenga  esclusivamente alle questioni relative all’ammissibilità dell’aggiudicatario  alla 2° fase della gara.
Risulta agli atti che complessivamente sono stati  affidati all’ing. Strata i seguenti incarichi relativi al citato intervento:

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           
           

Data

           
           

protocollo Determina

           
           

Prestazione

           
           

Importo indicato  dalla S.A.(corrispettivi)

           
           

Importo comprensivo di IVA e  oneri previdenziali

           
           

18/04/2011

           
           

234773

           
           

Progettazione preliminare

           
           

     50.979,26

           
           

     62.398,61

           
           

20/09/2011

           
           

516168

           
           

Progettazione definitiva ed    esecutiva/rilievo impianti esistenti

           
           

283.915,62

           
           

354.290,59

           
           

2/11/2011

           
           

606723

           
           

Progettazione impianti elettrici e    termosanitari; progetto antincendio per il modulo prefabbricato

           
           

     10.000,00

           
           

     12.548,00

           
           

2/11/2011

           
           

606735

           
           

Progettazione impianti elettrici e    termosanitari; progetto antincendio per per il 4° piano

           
           

     14.000,00

           
           

     17.617,60

           
           

13/12/2011

           
           

692057

           
           

Progettazione esecutiva e sicurezza modulo

           
           

     45.172,00

           
           

     56.844,44

           
           

12/01/2012

           
           

15090

           
           

Progettazione esecutiva e sicurezza 4°    piano

           
           

     66.048,00

           
           

     83.114,80

           
           

28/02/2012

           
           

112781

           
           

Direzione Lavori, sicurezza ed assistenza    giornaliera 4° piano

           
           

116.181,95

           
           

146.203,37

           
           

28/02/2012

           
           

112801

           
           

Direzione Lavori, sicurezza ed assistenza    giornaliera arredi 4° piano

           
           

122.987,30

           
           

154.767,22

           
           

7/01/2013

           
           

8674

           
           

Direzione Lavori, sicurezza ed assistenza    giornaliera 1 lotto

           
           

207.915,47

           
           

261.240,83

           
           

23/01/2013

           
           

43137

           
           

Perizia di variante V01

           
           

     11.892,02

           
           

     14.964,92

           

                                                                            TOTALE             929.091,62          1.163.990,38

Degli incarichi sopra elencati quello di cui alla  determina dirigenziale n. 234773/2011 risulta affidato a seguito della  procedura concorsuale svolta, sebbene la determina stessa sia generica nei contenuti  e non faccia esplicito riferimento a tale procedura.
Le altre determine dirigenziali, tutte inerenti  l’affidamento di servizi di ingegneria connessi con i lavori in oggetto,  configurano affidamenti diretti e, in realtà, non vi è alcun richiamo esplicito  alla citata clausola contenuta nel disciplinare di gara che contemplava la  possibilità di affidare ulteriori prestazioni al vincitore della gara.
La S.A., in riscontro alla richiesta di informazioni  dell’Autorità, ha giustificato gli affidamenti con la considerazione che  l’offerta dell’aggiudicatario “é stata  comunque la migliore offerta economica con grande risparmio per  l'amministrazione (con uno sconto del 20%+35,08% rispetto alla tariffa); e che  un ulteriore affidamento di incarichi era possibile dal punto di vista  procedurale, si é pertanto deciso di affidargli anche gli incarichi successivi  nell'ambito della stessa opera. In sostanza, in un'ottica di buon senso, si é  perseguito l'obiettivo di ottimizzare il procedimento amministrativo visto il  decisamente buon rapporto qualità/prezzo legato alla prestazione in parola”.
In data  16/07/2013, a seguito di esame del Consiglio, sono state comunicate alla  stazione appaltante le risultanze istruttorie.
La stazione  appaltante ha fornito controdeduzioni con nota assunta al prot. dell’Autorità  n.75492 del 12.8.2013, chiedendo audizione alla Direzione Vigilanza.  L’audizione, stabilita in un primo momento per il 9/01/2014 (Prot. Aut. n.  126224 del 17/12/2013), non ha avuto luogo a seguito di un disguido da parte  della S.A. nella ricezione della comunicazione; successivamente, con nota  acquisita al prot. dell’Autorità n. 21465 del 14/02/2014, la S.A. ha reiterato  la richiesta, e, in data 21/02/2014, si è svolta l’audizione presso la  Direzione Vigilanza.
Nel corso di  tale audizione il Direttore dell’Ufficio Edilizia e Servizio Tecnico della  Provincia di Bolzano ha precisato che la S.A. ha svolto una gara europea e che  la scelta di affidare con gara la sola progettazione preliminare è stata  compiuta dall’amministrazione a fronte di un finanziamento limitato non avendo  ancora la copertura finanziaria necessaria   per affidare i livelli di progettazione successiva.
Inoltre ha  ribadito che la scelta di inserire nel disciplinare di gara una clausola per  riservarsi la facoltà di affidare al vincitore le ulteriori prestazioni  connesse all’opera è stata seguita anche in osservanza dell’art. 57, comma 5,  del d.lgs.163/2006. Negli affidamenti successivi tale clausola non è stata  esplicitamente richiamata.
Ha, quindi,  precisato che il riferimento normativo vigente all’epoca della gara era il  D.P.R. 554/99 e ha evidenziato che l’affidamento delle prestazioni ulteriori al  vincitore della gara era una scelta economicamente molto vantaggiosa per  l’amministrazione in quanto l’offerta prevedeva uno sconto del 20%  più 35,08% sull’importo a base di gara.
Infine, ha  sottolineato che gli incarichi professionali risultano completamente eseguiti  con soddisfazione dell’amministrazione ed i lavori sono completati.

Ritenuto  in diritto

La S.A. ha affidato direttamente allo stesso  professionista servizi di ingegneria, per importi anche singolarmente quasi  sempre superiori alla soglia stabilita dal Codice per tale modalità di  affidamento.
L’importo complessivo affidato all’ing. Strata appare  prossimo al milione di € a fronte di una unica gara inizialmente svolta di  importo inferiore ai 100.000,00 €. 
E’ da osservare al riguardo, anche nel caso di  affidamenti inferiori alla soglia per gli affidamenti diretti, che la S.A.  avrebbe dovuto considerare, per la scelta della modalità di affidamento,  l’importo complessivo di tutti i servizi di ingegneria da affidare ed  applicare, in conseguenza, quanto disposto dall’art. 91 del d.lgs.163/2006  circa le modalità di affidamento dei servizi di ingegneria.
La clausola inserita nel disciplinare di gara, con la  quale l’amministrazione si riservava di affidare all’aggiudicatario ulteriori  prestazioni connesse all’opera in oggetto, alle stesse condizioni dell’offerta  presentata, che non viene mai esplicitata chiaramente nelle citate determine di  affidamento, appare, ove non interpretata negli stretti limiti della  possibilità di affidamento di prestazioni accessorie di limitato importo,  elusiva della normativa del Codice in tema di affidamenti di servizi di ingegneria  e contraria ai principi generali ex art. 2 del Codice stesso; infatti appare  chiaro come, a fronte di una presunta economicità della scelta operata dalla  S.A., vengano chiaramente violati i principi di libera concorrenza, parità di  trattamento e trasparenza da parte della amministrazione aggiudicatrice.
A fronte della comunicazione delle risultanze  istruttorie il Direttore dell’Ufficio Edilizia e Servizio Tecnico della  Provincia di Bolzano ha inviato le proprie controdeduzioni, ribadendo che “In considerazione  del fatto che l’amministrazione aveva sin dall’inizio l’esigenza di affidare al  vincitore della gara anche i successivi livelli di progettazione e la direzione  lavori nel disciplinare di gara è stato previsto, come appunto richiesto dal  citato art. 91, comma 6, che al vincitore della gara, potevano essere affidate  ulteriori prestazioni connesse all’opera in oggetto, alle stesse condizioni  dell’offerta presentata”.
A questo proposito si evidenzia che il citato art.  91, comma 6, del d.lgs. 163/2006, come precisato, prevede effettivamente la  possibilità dell’affidamento diretto al progettista, se espressamente previsto  nel bando, della D.L. e del coordinamento della sicurezza; tuttavia, nella  stessa disposizione, tale possibilità è consentita ove l’importo complessivo  dei servizi di ingegneria da affidare superi la soglia comunitaria, solo se  espressamente previsto nel bando di gara della progettazione. Inoltre tale  disposizione deve essere coordinata con quanto stabilito dall’art. 92, comma 1,  del Codice, circa l’esigenza che l’importo stimato del corrispettivo a base  d’asta comprenda tutti i servizi, ivi compresa la direzione lavori qualora si  intenda affidarla allo stesso progettista.
Il fatto di aver indetto una gara con pubblicazione a  livello comunitario non implica che la S.A. abbia reso chiaro che l’importo  finale dei servizi che avrebbe affidato sarebbe stato superiore alla soglia  comunitaria, nè è sufficiente per giustificare la sequela di affidamenti, che,  come sottolineato dalla S.A. nelle controdeduzioni, al punto VI 3 del bando sia  specificato che la durata della prestazione vada dalla data di sottoscrizione  del contratto fino all’approvazione del collaudo dei lavori.
Si osserva che la valutazione dei servizi da affidare  deve tener conto di quanto disposto dall’art. 29 del d.lgs. 163/06, il quale al  comma 1 dispone che il calcolo del valore stimato degli appalti pubblici e  delle concessioni di lavori o servizi pubblici è basato sull'importo totale  pagabile al netto dell'IVA, valutato dalle stazioni appaltanti.
Questo calcolo tiene conto dell'importo massimo  stimato, ivi compresa qualsiasi forma di opzione o rinnovo del contratto e  deve, pertanto, essere effettuato tenendo conto di tutte le prestazioni che  saranno oggetto del contratto e del relativo importo, seppure presunto. Si  rileva invece che, nel caso di specie, anche ove si volesse intendere che, in  sede di svolgimento della gara, si sia effettivamente contemplato l’affidamento  della totalità dei servizi di ingegneria, violando il citato articolo non è  stato indicato l’importo presunto complessivo del contratto.
Il non aver indicato l’importo effettivo  dell’affidamento, come ribadito dall’Autorità, a titolo esemplificativo nella  determina 73/2011, non ha garantito condizioni di trasparenza, parità di  trattamento e non discriminazione, che si traducono innanzitutto nell’informare  correttamente il mercato sulle condizioni di gara.
Inconferente appare, infine, il richiamo, al fine di  legittimare la citata clausola del disciplinare e le modalità di applicazione  della stessa, all’art. 57, comma 5, del Codice, ovvero alla possibilità di  affidare servizi complementari, atteso che tale possibilità è consentita solo  ove l’importo dei servizi complementari non superi il 50% dell’importo del contratto  iniziale. Nel caso in questione la sproporzione ta contratto iniziale (€  50.797,26) e importo complessivo della prestazione affidata (€ 929.091,62)  rende incongruo il riferimento a tale disposizione del Codice.

In base a quanto sopra  considerato,

il Consiglio

       
  • rileva che i numerosi affidamenti effettuati al  medesimo professionista, aggiudicatario di un primo incarico di modesto  importo, non possono essere giustificati dalla clausola del disciplinare di  gara, che prevedeva la possibilità di affidare ulteriori prestazioni connesse  all’opera in oggetto, atteso che l’oggetto e l’importo di tali prestazioni non  sono state esplicitate negli atti di gara, in contrasto con quanto stabilito  dall’art. 29 del d.lgs.163/2006;
  •    
  • rileva come l’affidamento di incarichi, alcuni dei  quali anche singolarmente superiori alla soglia comunitaria, senza alcuna  procedura di evidenza pubblica, sia in contrasto con quanto stabilito dall’art.  91 del d.lgs.163/2006;
  •    
  • incarica la Direzione Generale Vigilanza Contratti di inviare  la presente deliberazione alla S.A. nella persona del Presidente della  Provincia di Bolzano, al Direttore dell’Ufficio Edilizia e Servizio Tecnico  della Provincia di Bolzano, all’organo di controllo interno della S.A. ;
  •    
  • incarica la Direzione Generale Vigilanza Contratti di inviare  la presente deliberazione all’esponente.

il Presidente : Sergio Santoro

Depositato presso la Segreteria del Consiglio  in data 22 aprile 2014
Il  Segretario 
Maria Esposito