DELIBERA N. 955 del  7 settembre 2016

OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7,  lettera n) del d.lgs.163/2006 presentata da ENAC/Generali Italia S.p.a. Procedura  aperta per l’affidamento di un appalto di servizi assicurativi. Criterio di  aggiudicazione: prezzo più basso. Importo a base di gara lotto 5 eu. 75.00,00
PREC 266/15/S

Requisiti di  partecipazione. Requisiti speciali di capacità tecnica. Esperienze lavorative.  Polizze infortuni. Verifica dei requisiti minimi ex art. 48 del Codice.  Soccorso istruttorio. Integrazione documentale. Contratti stipulati prima del  termine di scadenza per la proposizione della domanda. Legittimità ammissione  senza sanzione.
Il potere dovere  di soccorso istruttorio previsto dall’art. 46   del Codice può trovare applicazione nell’ambito del procedimento di  verifica del possesso dei requisiti. I requisiti di partecipazione relativi  alla capacità tecnica, se sussistenti al momento della presentazione delle  offerte, possono essere documentati in applicazione della procedura di soccorso  istruttorio in sede di verifica ex art. 48 del Codice, giacché, in tal caso, l’integrazione  documentale successiva non viola il principio di par condicio e non altera il  libero confronto concorrenziale.
Art. 42 e 48  D.lgs.163/2006.

Il  Consiglio
VISTA  l’istanza prot. n. 125103 del 29 marzo 2015, con la quale l’ENAC chiedeva un  parere sulla legittimità dell’ammissione alla gara della società Generali  S.p.a., unica concorrente per il lotto n. 5 della procedura selettiva indetta, relativo  a “Polizza assicurazione cumulativa  contro infortuni Ispettori di volo, ploti e tecnici collaudatori”, e  dell’applicazione in favore della stessa società del soccorso istruttorio senza  sanzione, a seguito dell’esperita verifica dei requisiti ex art. 48 del Codice;
VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto  in data 9 dicembre 2015;
VISTA la documentazione in atti e, in  particolare, le memorie prodotte dalle parti;
CONSIDERATO che le questioni giuridiche  controverse prospettate dagli istanti possono essere decise ai sensi  dell’articolo 8 del Regolamento  sull’esercizio della funzione di componimento delle controversie di cui  all’articolo 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. n. 163/2006;
RILEVATO che il bando con cui viene  indetta la procedura è del 2015 e quindi relativo al periodo in cui era in vigore  il vecchio Codice;
RILEVATO che la società di assicurazione  concorrente aveva prodotto in sede di gara soltanto delle polizze “di natura cumulativa infortuni” e successivamente,  a conferma del possesso dei requisiti ex art. 48 del Codice e della richiesta  di chiarimenti pervenuta dal rup dell’ente committente ha allegato le polizze “per infortuni aeronautici”  specificamente comprovanti l’esperienza nel settore, stipulate prima della  pubblicazione del bando di cui alla procedura in oggetto;
CONSIDERATO quindi che il possesso del  requisito di capacità tecnica verificato, preesiste alla data di presentazione  dell’offerta;
CONSIDERATO che come affermato in  Determinazione n. 1 del 8 gennaio 2015, in ordine alla portata applicativa  dell’art. 46 comma 1 ter, l’ampliamento  dell’ambito applicativo del soccorso istruttorio consente il completamento o  l’integrazione dell’offerta. Tuttavia: “Resta fermo il principio  per cui i requisiti di partecipazione devono essere posseduti dal concorrente -  che deve essere, altresì, in regola con tutte le altre condizioni di  partecipazione alla scadenza del termine fissato nel bando per la presentazione  dell’offerta o della domanda di partecipazione, senza possibilità di acquisirli  successivamente”;
CONSIDERATO quindi che il possesso del  requisito di capacità tecnica, relativo alla stipula di polizza per la  copertura del rischio di infortuni aeronautici, è stato verificato che  preesiste che preesiste alla data di presentazione dell’offerta;
CONSIDERATO che “la stazione appaltante, prima di decidere l'applicazione delle sanzioni  ex art. 48, può richiedere, con ciò differendo il termine di dieci giorni  previsto dal comma 1, senza che venga menomata la par condicio dei concorrenti,  gli opportuni completamenti o chiarimenti, con riferimento ai documenti  presentati in sede di verifica” (vd. determinazione Anac n. 5 del 21 maggio  2009);

Il  Consiglio
ritiene, nei limiti di cui in  motivazione, l’operato della stazione appaltante conforme alla disciplina  normativa di settore.

Il  Presidente
Raffaele Cantone

Depositato presso la Segreteria del  Consiglio in data 15 settembre 2016
Il Segretario Maria Esposito

Documento  formato pdf (105 Kb)