DELIBERA N. 1028 DEL 11 ottobre 2017

Oggetto: istanza congiunta di parere per la soluzione delle questioni controverse ex articolo 211, comma 1, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 presentata dalla società Mangherini s.r.l.; dalla CSS Rovigo; dalla Autoservizi Voulaz s.r.l. e dal Comune di Cinisello Balsamo – Procedura aperta per l’affidamento del servizio di trasposto scolastico periodo 01/09/2017- 31/08/2020. Importo a base  di gara euro: 207.272,72. S.A.:  Comune di Cinisello Balsamo (MI).
PREC 270/17/S

Il Consiglio

Considerato in fatto

Con istanza congiunta di parere acquisita al prot. Anac n. 97059 del 1^ agosto 2017 inoltrata dalla società  Mangherini s.r.l.; dalla CSS Rovigo;  dalla Autoservizi Voulaz s.r.l. e dal Comune di Cinisello Balsamo, le parti hanno chiesto  all’Autorità di formulare un’ipotesi di soluzione della questione insorta relativamente alla procedura aperta per l’affidamento del servizio di trasposto scolastico periodo  01/09/2017- 31/08/2020.
Preliminarmente, le parti istanti  rappresentano che il bando di gara prevede che possano partecipare alla  procedura di selezione soggetti che siano in possesso di una serie di requisiti,  tra i quali  l’iscrizione al registro  Regione Lombardia N.C.C.
In particolare, evidenziano che il  regolamento regionale n. 6/2014 così come integrato con la D.G.R. n. X/6282 del  6.3.2017, disciplinante l’iscrizione al suddetto registro, prevede che possano  iscriversi soggetti in possesso di una serie di requisiti tecnici organizzativi  e che esercitino l’attività nell’ambito della Regione Lombardia. Risulta,  inoltre, previsto che i soggetti che, alla data di approvazione del bando,  esercitino l’attività di settore del trasporto scolastico, abbiano tempo fino  al 31 dicembre 2017 per effettuare la relativa iscrizione.
Delle quattro società  partecipanti, tre risultano in possesso dell’iscrizione al registro sopra  richiamato, mentre una (la ATI Mangherini-CSSR) non ha effettuato l’iscrizione,  seppure la capogruppo eserciti nella regione Lombardia l’attività di servizio  trasporto scolastico.
La stazione appaltante ritiene possibile  l’ammissione di tutti e quattro i soggetti partecipanti, consentendo anche  all’ATI Mangherini-CSSR di concorrere, previa dichiarazione di impegno a  effettuare l’iscrizione nell’apposito Registro entro la data del 31.12.2017,  secondo quanto previsto dal regolamento regionale. Di contrario avviso le  concorrenti Caronte S.r.l. e Voulaz s.r.l. che ritengono non possibile  l’ammissione della concorrente alla procedura de qua in assenza, al momento  della presentazione delle offerte, del possesso del requisito richiesto dal  bando di gara dell’iscrizione al Registro Regionale Lombardia N.C.C.
Con autonoma istanza di parere la  Caronte S.r.l. ha precisato le proprie censure in tal senso.
All’esito dell’avvio dell’istruttoria, sono  pervenute le ulteriori precisazioni da parte della Caronte S.r.l. con le quali  ribadisce e censura la soluzione prospettata dalla stazione appaltante circa  l’interpretazione offerta dalla commissione di gara in ordine alla possibile  sanatoria ex post del difetto di iscrizione presso il Registro Regionale Lombardia  N.C.C.

Ritenuto in diritto

La questione  giuridica controversa prospettata dalle parti istanti attiene alla legittimità  o meno di un eventuale provvedimento di esclusione di un concorrente per  mancato possesso di un requisito richiesto nella lex specialis ai fini  dell’ammissione alla gara.
Infatti, il Comune  di Cinisello Balsamo nel bando di gara risulta aver previsto il possesso dei  seguenti requisiti: possesso dei requisiti generali ai sensi dell’art. 80,  d.lgs. 50/2016; iscrizione alla CCIAA abilitati per le attività oggetto di  affidamento; possesso di pullman adeguati alla quantità e tipologia dell’utenza  (da 25 a 50 alunni delle scuole di infanzia e scuole secondarie di primo  grado), nonché idonei a transitare lungo percorsi indicati; iscrizione al  registro Regionale Lombardia N.C.C.
Giova preliminarmente richiamare, in  generale, quel principio consolidato in materia di contrattualistica pubblica  che impone ai concorrenti il possesso dei requisiti di partecipazione al  momento della scadenza del termine di presentazione delle offerte e, in  particolare, che riconosce i requisiti come presupposti di natura sostanziale  per la partecipazione alla gara, e, di conseguenza, sancisce che la carenza dei  requisiti speciali di partecipazione indicati nel bando di gara si traduce  necessariamente nell’esclusione dalla gara e impone, con specifico riferimento  al momento in cui devono essere posseduti al momento della prestazione  dell’offerta e devono persistere per tutta la durata della procedura, fino alla  stipula contrattuale (cfr. Parere n. 52 del 22/4/2015).
Altresì, è opportuno  evidenziare come la concorrente, risultata sprovvista di iscrizione presso il  Registro Regionale Lombardia NCC, abbia partecipato in forma associata (ATI Mangherini-CSSR)  secondo quanto previsto nel bando di gara e ai sensi dell’art. 48 d.lgs.  50/2016 recante la disciplina in tema di raggruppamenti temporanei e consorzi  ordinari di concorrenti.
Come noto, il concorrente  raggruppato, cumulando i requisiti delle singole imprese riunite, partecipa  alla gara presentando un’unica offerta, con il conseguente  obbligo, in caso di aggiudicazione, di eseguire congiuntamente le prestazioni  oggetto dell’appalto. Sussiste perciò l’obbligo  in capo a ciascun componente il raggruppamento, del possesso dei requisiti  previsti dalla disciplina di gara. E secondo quel consolidato orientamento  giurisprudenziale negli appalti di servizi sussiste l'obbligo per le imprese  raggruppate di indicare le parti del servizio o della fornitura facenti capo a  ciascuna di esse.
Del resto, nel caso in  esame, la stazione appaltante nel bando di gara alla voce – Documentazione amministrativa  (pag. 4) precisa, tra l’altro con riferimento al caso di RTI o consorzio non  ancora costituiti che: « La dichiarazione, inoltre, dovrà specificare il tipo  dio raggruppamento prescelto, con l’indicazione dell’impresa capogruppo e  l’indicazione, per ogni impresa associata, del tipo e della quota di attività  che si impegna a svolgere, espressa in percentuale e corrispondente alla quota  di partecipazione al raggruppamento».
Orbene, secondo quanto rappresentato nell’istanza  di precontenzioso,  emerge che “la ATI  Mangherini-CSSR non ha effettuato la relativa iscrizione seppure la capogruppo  eserciti nella regione Lombardia l’attività di servizio trasporto scolastico”.
In disparte  ogni considerazione circa la possibilità di consentire sulla scorta delle previsioni  normative contenute nel Regolamento Regionale sopra citato, l’ammissione alla  gara del raggruppamento concorrente mediante dichiarazione di impegno alla  relativa iscrizione presso il Registro Regionale Lombardia N.C.C., ne consegue  che, qualora ciò lo si valutasse anche in termini positivi, la ATI Mangherini –  CSSR non si troverebbe comunque esente da censura in quanto solamente la  capogruppo Mangherini  risulterebbe in  possesso del relativo requisito e non anche il restante operatore economico  facente parte del raggruppamento.
Infatti, da  come riportato nell’atto introduttivo il presente procedimento, la sola  Mangherini risulta esercitare l’attività di trasporto scolastico nel territorio  della Regione Lombardia.
Pertanto, posto  che spetta alla stazione appaltante verificare in concreto il possesso dei  requisiti richiesti nella lex specialis  nei confronti di tutte le imprese concorrenti,  ivi incluse anche quelle che partecipano alla procedura in forma raggruppata, appare  comunque esclusa la ATI in questione per mancato possesso dei requisiti in capo  a tutte le imprese facenti parte il raggruppamento stesso.

In base a  tutto quanto sopra rappresentato e alla luce delle considerazioni sopra  esposte,

Il Consiglio

ritiene, nei  limiti di cui in motivazione che, non è consentita l’ammissione del concorrente  che partecipando in RTI, risulti sprovvisto del possesso dei requisiti  richiesti in capo a tutte le imprese che lo compongono.

Raffaele Cantone

Depositato presso la Segreteria del  Consiglio in data 23 ottobre 2017
Il segretario Maria Esposito

Documento formato pdf