DELIBERA N. 250 DEL 7 marzo 2018


OGGETTO: Istanza di parere di  precontenzioso ex art. 211, comma 1, del d.lgs.50/2016 presentata da Service  Tech S.r.l. – Procedura aperta per l’affidamento del servizio di helpdesk  informatico, supporto onsite e assistenza sistemistica per 36 (trentasei) mesi –  Importo a base di gara: euro 960.000,00 - S.A.: A.M.A. S.p.A.
PREC 193/17/S

 

 

VISTA l’istanza acquisita al protocollo  n. 27942 del 22 febbraio 2017, con cui Service Tech. S.r.l. ha contestato la
propria esclusione dalla gara in oggetto  disposta dalla stazione appaltante a fronte del mancato rispetto del requisito  minimo richiesto dalla lex specialis del possesso del diploma di scuola media superiore da parte di una delle  risorse destinata alla mansione di operatore del servizio di help desk di primo  livello. In particolare, l’istante eccepisce che il Capitolato tecnico non  prevede espressamente che detto requisito debba essere posseduto a pena di  esclusione con conseguente violazione del principio della tassatività delle  cause di esclusione di cui all’art. 83 coma 8, d.lgs. n. 50/2016 e contesta la  mancata attivazione del soccorso istruttorio da parte della stazione appaltante  la quale, a suo avviso, avrebbe dovuto consentire la sostituzione della risorsa  priva del requisito con altra risorsa, resa disponibile come riserva, dotata  del requisito richiesto;

VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto  in data 24 maggio 2017 (nota prot. n. 72259);

VISTA la nota di replica della stazione  appaltante A.M.A. S.p.A., acquisita al prot. n. 73461 del 26 maggio 2017 e la documentazione acquisita agli atti;

VISTO quanto disposto a pagina 4 del Capitolato Tecnico dove,  con riferimento alle risorse impiegate per il servizio di helpdesk 1° livello,  è previsto che «le risorse impiegate dovranno avere i seguenti requisiti: -  almeno diploma di scuola superiore»;

VISTO quanto disposto al paragrafo 9 del Disciplinare di gara  dove, nel dettagliare i sub-criteri per l’attribuzione del punteggio tecnico, è  stabilito che «il punteggio relativo alla valutazione del profilo dei tecnici  Helpdesk sarà assegnato secondo il seguente schema: (…) 2. Titolo di studio: -  diploma di scuola media superiore (come da richiesta)= 0 punti; - laurea  informatica o equivalente= 1 punto»;

CONSIDERATO che secondo consolidata giurisprudenza l’accertata  carenza di requisiti tecnici dell’offerta, ritenuti essenziali dalla stazione  appaltante, può legittimamente determinare l’esclusione dalla gara dell’impresa  che ha presentato l’offerta priva dei necessari requisiti (cfr. Consiglio di  Stato, sez. III, 21 ottobre 2015, n. 4804; 1 luglio 2015, n. 3275; sez. V, 17  febbraio 2016, n. 633, 23 settembre 2015, n. 4460; 5 maggio 2016, n. 1809);

CONSIDERATO che il medesimo  orientamento è stato sostenuto dall’Autorità nel parere di precontenzioso n.  427 del 13 aprile 2016, dove è stato ritenuto che l’esclusione disposta dalla  stazione appaltante perché l’offerta tecnica non rispetta il contenuto minimo richiesto  dal capitolato di gara è legittima;

CONSIDERATO che in tali  circostanze l’esclusione è legittima anche se il bando non richiede  espressamente il requisito “a pena di esclusione” purché emerga chiaramente  dalla lex specialis di gara che si  tratta di un requisito minimo (Consiglio di Stato, sez. III, 11  luglio 2016, n. 3029);
CONSIDERATO che tale causa di  esclusione non si pone in contrasto con il principio di tassatività sancito  dall’art. 83, comma 8, d.lgs. n. 50/2016, atteso che la richiamata norma vieta  l’introduzione di adempimenti documentali o formali privi di una base normativa  espressa attinenti alle condizioni di partecipazioni alla gara e non si applica  in caso di accertata mancanza dei necessari requisiti dell’offerta (cfr. Consiglio  di Stato, sez. V, 5 maggio 2016, n. 1809, con riferimento al previgente d.lgs.  n. 163/2006)

RITENUTO che, nel caso in esame,  dalla documentazione di gara emerge che il titolo di studio di scuola  secondaria superiore delle risorse da adibire al servizio di helpdesk di primo  livello era richiesto chiaramente come requisito minimo essenziale;

CONSIDERATO che l’art. 83, comma  9, d.lgs. n. 50/2016 circoscrive l’ambito di applicazione del soccorso  istruttorio alla mancanza, incompletezza e ogni altra irregolarità delle  dichiarazioni riguardanti le condizioni di partecipazione («degli elementi e  del documento di gara unico europeo di cui all’art. 85») con espressa  esclusione di «quelle afferenti all’offerta economica e all’offerta tecnica»;

RITENUTO pertanto che, nel caso di specie, la stazione appaltante non avrebbe  potuto attivare il soccorso istruttorio per consentire la sostituzione della  risorsa priva del requisito perché ciò avrebbe comportato la modifica  dell’offerta tecnica, in aperta violazione del principio di parità di  trattamento;

RILEVATO che sulla questione posta può decidersi ai sensi  dell’art. 10 del Regolamento per il rilascio dei pareri di precontenzioso di  cui all’art. 211, comma 1, del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50;

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in  motivazione che:

       
  • l’esclusione dalla gara è conforme alla normativa di  settore.

Il Presidente
Raffaele  Cantone

Depositato presso la Segreteria del Consiglio in data 16  marzo 2018
Il Segretario, Maria Esposito
Formato pdf 212 kb