DELIBERA N. 480  DEL 23 maggio 2018


OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 211 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50/2016 presentata da Soc. Coop. Consorzio Solidale/ Città di Policoro. Procedura aperta tramite sistema MEPA RDO per l’affidamento del servizio di assistenza domiciliare per  minori e le loro famiglie e del centro diurno dell’ex ambito basso Sinni. Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa. Importo a base di gara: 99.683,96 euro.
PREC. 104/18/S

Il Consiglio

VISTA l’istanza prot. n. 84745 del 23 giugno 2017 con cui la Società Coop. Consorzio Solidale segnalava alcune incongruità della lex specialis di gara relativa alla procedura in oggetto. In particolare affermava che i requisiti del servizio di assistenza domiciliare per minori richiesti al punto 2.2.2 del Manuale e la disciplina del centro diurno socio educativo polivalente di cui al punto 2.2.3 dello stesso Manuale approvato dalla Regione Basilicata sarebbero discordanti rispetto al contenuto della lex specialis di gara, in relazione al quantitativo di personale richiesto e alla mancanza di una figura di operatore socioassistenziale (OSA); inoltre il monte ore per ciascuno dei due servizi da affidare non sarebbe specificato. Nel bando si richiede all’aggiudicataria di predisporre un piano di formazione del personale che, per il numero di ore previsto, impegnerebbe in misura troppo elevata gli addetti a detrimento della resa nelle prestazioni da svolgere; infine il punteggio  molto elevato sarebbe attribuito in maniera generica sia al personale ammnistrativo che tecnico senza specificare secondo quale criterio;
VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto in data 17 aprile 2018;                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  
VISTE le memorie prodotte dalle parti;
RILEVATO che la stazione appaltante precisa che il Comune d Policoro, capofila dell’ambito Basso Sinni ha assunto l’onere di garantire l’assistenza domiciliare per i minori e le loro famiglie e il servizio di gestione del Centro diurno delle famiglie residenti nell’ambito territoriale in conformità con le Linee guida predisposte dalla Regione Basilicata; che non è prevista una quantificazione dell’utenza che fruirà del servizio ma soltanto del monte ore complessivo da impiegare; precisa inoltre che le attività per la formazione del personale non sono previste nel monte ore dedicato alle prestazioni lavorative e quindi non interferiscono con la qualità del servizio reso, infine, per il personale non è richiesto uno specifico titolo di studi ma soltanto esperienza nel settore amministrativo o tecnico a seconda delle figure richieste e l’assegnazione del punteggio conferisce valore all’esperienza prevista nel settore relativo alla figura da rivestire , da documentare con esibizione dei curricula;
RILEVATO che tali precisazioni, da ritenersi esaustive erano state già inviate all’istante al momento delle contestazioni sollevate alla stazione appaltante, prima di incardinare il presente procedimento di precontenzioso;
RILEVATO che l’istante non figura tra le concorrenti alla gara;
RITENUTO che le contestazioni sollevate appaiono pretestuose, in quanto non si rintracciano clausole escludenti o riguardanti requisiti di partecipazione che possano risultare ostativi alla partecipazione o impositivi di oneri imposti arbitrariamente e in mancanza di una ratio logica e comprensibile;

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, l’operato della stazione appaltante conforme alla disciplina normativa di settore.

Raffaele Cantone

Depositato presso la Segreteria del Consiglio in data 1 giugno 2018
Il Segretario Maria Esposito

Documento formato pdf (57 Kb)