DELIBERA  N. 507 DEL 30  maggio 2018

Oggetto: istanza di parere per la  soluzione delle controversie ex articolo 211, comma 1, del decreto legislativo  18 aprile 2016, n. 50 presentata dalla società _______OMISSIS_______– Procedura  aperta per affidamento dell’incarico di progettazione definitiva ed esecutiva,  piano particellare di esproprio, verifica preventiva dell’interesse  archeologico, coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione ed  esecuzione, direzione dei lavori, misurazione e contabilità dei lavori,  relazione geologica per i lavori di realizzazione completamento pista  ciclopedonale Fondotoce Suna. Importo a base di gara euro: 306.500,00. S.A.:  Comune di Verbania.

 

PREC  167/17/S

 

Il Consiglio

VISTA l’istanza di parere prot. n. 24425 del  15.2.2017 presentata dalla  società _______OMISSIS_______(quale capogruppo del costituendo raggruppamento  con mandanti _______OMISSIS_______  relativamente  alla procedura aperta per affidamento dell’incarico di progettazione definitiva  ed esecutiva, piano particellare di esproprio, verifica preventiva  dell’interesse archeologico, coordinamento per la sicurezza in fase di  progettazione ed esecuzione, direzione dei lavori, misurazione e contabilità  dei lavori, relazione geologica per i lavori di realizzazione completamento  pista ciclopedonale Fondotoce Suna;

 

VISTA in particolare, la doglianza  sollevata da parte istante con la quale lamenta la presunta illegittima  esclusione disposta a proprio carico per la mancata sottoscrizione del DGUE da  parte del geologo e dell’archeologo, dipendenti della società e inseriti nel  gruppo di progettazione. La capogruppo _______OMISSIS_______precisa che il DGUE  è stato sottoscritto unicamente da chi riveste il ruolo di rappresentanza  all’interno della società  ossia dal  legale rappresentante amministratore unico e socio _______OMISSIS_______dal  direttore tecnico e socio _______OMISSIS_______e dal socio (_______OMISSIS_______;

 

VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto in  data 15.5.2017;

 

VISTE le osservazioni formulate dalla  stazione appaltante con le quali ribadisce la correttezza del proprio operato  precisando che il disciplinare di gara espressamente prevedeva che il DGUE  dovesse essere sottoscritto “dal legale  rappresentante dell’impresa concorrente o da procuratori dei legali rappresentanti  e in tal caso con trasmissione della relativa procura; in caso di  raggruppamenti di professionisti (riuniti o da riunirsi) o di consorzi di  qualsiasi tipologia o di GEIE, pena l’esclusione, dai singoli operatori  economici che costituiscono/costituiranno il raggruppamento o il GEIE, e dal  consorzio e dalle consorziate designate per l’esecuzione del servizio; da tutti  i professionisti indicati quali componenti della struttura operativa”;

 

RITENUTO che sulla questione può decidersi  ai sensi dell’art. 10 del Regolamento per il rilascio dei pareri di  precontenzioso di cui all’art. 211, d.lgs. 50/2016;

 

CONSIDERATO quanto, in generale, precisato con Comunicato del  Presidente del 26 ottobre  2016 recante - Indicazioni alle stazioni  appaltanti e agli operatori  economici sulla definizione dell’ambito  soggettivo dell’art. 80 del d.lgs.  50/2016 e sullo svolgimento delle  verifiche sulle dichiarazioni sostitutive  rese dai concorrenti ai sensi  del d.p.r. 445/2000 mediante utilizzo del modello  di DGUEe in  particolareal paragrafo 1. chiarito: Il  requisito in esame deve essere verificato in capo ai «soggetti muniti di poteri di  rappresentanza, di direzione o di  controllo», intendendosi  per tali i soggetti che, benché non siano membri  degli organi sociali di  amministrazione e controllo, risultino muniti di poteri  di rappresentanza  (come gli institori e i procuratori ad  negotia), di direzione (come i dipendenti o i professionisti ai  quali siano stati conferiti  significativi poteri di direzione e gestione  dell’impresa) o di controllo (come il revisore contabile e l’Organismo di  Vigilanza di cui all’art. 6 del D. Lgs.  n. 231/2001 cui sia affidato il  compito di vigilare sul funzionamento e sull’osservanza dei modelli di  organizzazione e di gestione idonei a prevenire reati). In caso di affidamento   del controllo contabile a una società di revisione, la verifica del  possesso  del requisito di cui all’art. 80, comma 1, non deve essere  condotta sui membri  degli organi sociali della società di revisione, trattandosi  di soggetto giuridico distinto dall’operatore economico concorrente cui vanno riferite  le cause di  esclusione»

 

CONSIDERATO in generale che, con  riferimento ai servizi di ingegneria e architettura e oneri dichiarativi dei relativi  professionisti, giova richiamare quanto affermato dalla giurisprudenza  amministrativa laddove si è espressa nel senso che “ Ai sensi di quanto previsto dall'art. 90,  commi 6 e 7, D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 (Codice dei contratti pubblici), è  legittimo il disciplinare di una gara per l'affidamento di servizi di supporto  tecnico-operativo alla progettazione di un'opera pubblica, il quale preveda, a  pena di esclusione, l'obbligo di effettuare dichiarazioni sostitutive nei  confronti di tutti i professionisti - inclusi gli eventuali dipendenti della  capogruppo partecipante alla gara - componenti del gruppo di lavoro che  dovrebbe procedere all'espletamento dei servizi (T.A.R. Cagliari, Sardegna, Sez. I, 02  dicembre 2008, n. 2149),(in tal senso vedasi anche parere n. 133/2012)

 

RILEVATO che la stazione appaltante ha  richiesto espressamente, tra l’altro che, tutti i professionisti indicati quali  componenti della struttura operativa, sottoscrivessero il documento unico di  gara;

 

CONSIDERATO che, nel caso in esame, il  geologo e l’archeologo, ancorchè dipendenti della società _______OMISSIS_______,  risultano comunque essere stati indicati quali professionisti componenti del  gruppo di progettazione per l’eventuale esecuzione dei servizi richiesti, con  la conseguenza che si rende necessaria l’acquisizione anche delle relative  dichiarazioni circa il possesso dei requisiti di carattere generale da parte di  questi,

 

Il Consiglio

 

ritiene, nei  limiti di cui in motivazione, conforme l’operato della stazione appaltante.

 

Raffaele Cantone

Depositato  presso la Segreteria del Consiglio in data 12 giugno 2018

Il  segretario Maria Esposito

Documento  formato pdf (82 Kb)