Delibera numero 61 del 02 aprile 2014

Parere favorevole dell’Autorità sulla richiesta dell’Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza (IPAB) “Oasi Cristo Re” di Acireale per la nomina dell’Organismo indipendente di valutazione (articolo 14, comma 3, decreto legislativo n. 150/2009)

L’ AUTORITA’

 

VISTA

 

la nota del 25 febbraio 2014 (ns. prot. n. 3812/2014), con la quale l’Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza (IPAB) “Oasi Cristo Re” di Acireale ha richiesto il parere ex art. 14, comma 3, d.lgs. n. 150/2009, ai fini della nomina dei componenti dell’Organismo indipendente di valutazione (OIV) in forma monocratica, nella persona del dott. Gaetano Alessandro Ansaldi;

 

VISTI

 

gli articoli 13, comma 6, lett. g), e 14, commi 3 e 7, 16, comma 2, del decreto legislativo 27 ottobre 2009 n. 150, nonché la delibera n. 12 del 27 febbraio 2013, recante “Requisiti e procedimento per la nomina dei componenti degli Organismi indipendenti di valutazione (OIV)”, che ha sostituito le delibere n. 4/2010, n. 107/2010, n. 21/2012, n. 23/2012, n. 27/2012 e n. 29/2012;

 

RILEVATO CHE

 

 

-      l’Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza (IPAB) “Oasi Cristo Re” di Acireale è un ente pubblico non economico di livello regionale;

 

-      secondo quanto disposto dalla citata delibera n. 23 /2012, sostituita dalla delibera n. 12/2013, le regioni, gli enti regionali, le amministrazioni del servizio sanitario nazionale e gli enti locali, stante il mancato rinvio dell’art. 16, comma 2, del d.lgs. n. 150/2009 all’art. 14 dello stesso decreto, salvo quanto espressamente previsto dalla normativa di adeguamento, hanno la facoltà, e non l’obbligo, di costituire l’OIV, in quanto, nella loro autonomia, possono affidare ad altri organi i compiti previsti dai principi di cui alle disposizioni del d.lgs. n. 150/2009 indicate nel citato art. 16;

 

-      qualora, invece, detti enti procedano alla nomina dell’OIV – o in applicazione della normativa di adeguamento ai principi del d.lgs. n. 150/2009, o per autonoma decisione – devono individuarne i componenti in conformità all’art. 14 dello stesso decreto e tenendo conto dei requisiti previsti dalla delibera n. 12/2012, previo parere della Autorità;

 

RILEVATO CHE

 

l’Autorità, con riferimento alla documentazione richiesta dalla delibera n. 12/2013, ha formulato specifici rilievi, ai quali l’Amministrazione ha dato puntuale riscontro;

 

ESAMINATA

 

la motivata richiesta di parere e la documentazione allegata, dalla quale risulta che:

 

-      per quanto riguarda i requisiti generali previsti dal punto 3 della delibera n. 12/2013, il candidato:

-   è cittadino italiano (3.1);

-   la sua età risponde all’esigenza di assicurare all’Organismo esperienza e capacità di innovazione ed è lontana dalla soglia del collocamento a riposo (3.2);

-   ha dichiarato di non incorrere nei divieti di nomina, nei conflitti di interessi o nelle cause ostative indicate dalla Autorità (3.4 e 3.5);

-   è esterno all’ente, ma assicura un’adeguata conoscenza dell’ente stesso (3.6);

 

-      per quanto riguarda i requisiti attinenti alle aree delle conoscenze, dell’esperienza e delle capacità, di cui ai punti 4, 5 e 6 della delibera n. 12/2013, il candidato ha maturato una rilevante preparazione sulle tematiche inerenti le competenze dell’OIV. In particolare, il candidato è laureato in Giurisprudenza, ha conseguito il Master di II livello in “Amministrazione e gestione degli enti locali”, nonché il dottorato di ricerca in “Diritto amministrativo”, ha maturato esperienza nel campo giuridico-amministrativo in qualità di avvocato e svolto incarichi di docenza in materia di formazione e aggiornamento del personale presso vari enti pubblici. Attualmente, oltre a essere avvocato, è collaboratore del FormezPa e docente di Diritto amministrativo presso la Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno;

 

-         il candidato ha dichiarato di possedere le conoscenze linguistiche e informatiche (punto 7 e 8 della delibera n. 12/2013);

 

-         il candidato ha, altresì, dichiarato di possedere il requisito della esclusività (punto 9 della delibera n. 12/2013);

 

 

RILEVATO CHE

 

nella richiesta è stato indicato il compenso previsto per l’espletamento dell’incarico ed è stata trasmessa la documentazione richiesta ai sensi del punto 14.1 della delibera n. 12/2013;

 

ESPRIME

 

parere favorevole;

 

DISPONE

 

la pubblicazione della presente delibera sul sito dell’Autorità.

Romilda Rizzo 

Roma, 02/04/2014

Delibera 61.2014

Delibera n. 61.2014 scans